Monte Rinaldo: arriva lo spettacolo del TAU 'Lisistrata'

2' di lettura 03/08/2010 -

Venerdì 6 agosto la suggestiva Area Archeologica La Cuma di Monte Rinaldo ospita al tramonto (ore 19) Troiane/Lisistrata, un interessante confronto tra i due capolavori di Euripide e Aristofane a cura di Antonio Mingarelli e Marcella Favilla della compagnia Vocitinte, un gruppo di attori e registi diplomati alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano diretta da Luca Ronconi, che, insieme ad altri tredici gruppi, fa parte della piattaforma per la nuova scena marchigiana “Matilde” promossa da Regione Marche e Amat.



Lo spettacolo – ad ingesso gratuito – è promosso nell’ambito del TAU, rassegna di teatro classico antico promossa da Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Marche / Assessorato ai Beni e alle Attività Culturali, AMAT, Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche, Provincia di Ascoli Piceno, Provincia di Fermo, Provincia di Macerata, Comune di Ascoli Piceno, Comune di Cupra Marittima, Comune di Falerone, Comune di Monte Rinaldo e Comune di Urbisaglia.

Il dittico Troiane/Lisistrata mette a confronto, in un’unica rappresentazione, due capolavori del teatro greco antico: l’irriverente commedia di Aristofane e la tragica parabola di Euripide, accomunate dal tema della guerra e dalla percezione di essa nel mondo femminile. Uno studio concepito per essere usufruito dal pubblico come uno spettacolo a tutti gli effetti.

L’accostamento di due opere dai contenuti diametralmente opposti consente di rappresentare del medesimo tema due punti di vista distanti ma al tempo stesso complementari: se nelle Troiane si racconta di una civiltà piegata dalla guerra e della possibilità di trovare nell’umano le ragioni di un possibile riscatto, nella Lisistrata assistiamo al ribaltamento grottesco dell’identico tema. È l’astuzia femminile in questo caso a impedire che si pongano in essere quelle premesse sociali che hanno suscitato la disfatta raccontata da Euripide.

In scena quattro attrici vestono i panni della tragedia e della commedia in un scambio di ruoli che è anche il passaggio ideale dalla condizione di vinti a quello di vincitori e viceversa. La messa in scena delle Troiane è concepita come una via crucis nella quale l’occhio dello spettatore coincide con quello di Ecuba. Al tempo stesso spettatrice e protagonista delle propria rovina.

Il suo è un viaggio compiuto in due dimensioni temporali che convivono nello stesso spazio scenico: il tempo presente, ovvero il tempo della guerra, e il tempo passato, ovvero la dimensione del ricordo e della nostalgia. Lisistrata è invece un arabesco di figure grottesche, riassunti umani dei luoghi comuni e degli stereotipi della società moderna. In questa chiave si intende trovare un equivalente attuale della parodia che Aristofane faceva, con incredibile spirito profetico, dei suoi contemporanei. Posti limitati, prenotazione obbligatoria al n. 0734 777121.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-08-2010 alle 15:18 sul giornale del 04 agosto 2010 - 748 letture

In questo articolo si parla di teatro, spettacoli, monte rinaldo, amat marche, lisistrata, tau

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aS2





logoEV
logoEV