Incontriamoci in Biblioteca, tra erbe spontanee ed orti alla scoperta del fermano

3' di lettura 05/07/2010 -

Una nota di prestigio la presenza della Provincia di Fermo alla Biblioteca Storica Nazionale dell’Agricoltura, per raccontare un territorio pronto a far emergere le sue migliori qualità. Una Provincia che si sta muovendo su più fronti organizzativi e promozionali di eccellenza, come cultura, turismo, agricoltura, ambiente e produzioni locali, elementi che danno l’immagine del tessuto socio-territoriale di questa piacevole terra.



L’incontro del 7 luglio a Roma sarà utile per evidenziare un progetto di grande rilevanza ed unico nel suo genere, Il Circuito delle Cucine Tipiche Locali intitolato “Chi Mangia La Foglia” (che include il Circuito delle Erbe Spontanee e degli Orti, ecc.), presieduto da Noris Rocchi e nato con l’obiettivo di riconoscere e valorizzare l’aspetto storico-culturale delle erbe cosiddette spontanee, del recupero delle antiche piante e storiche sementi, sotto un profilo botanico, officinale, nell’applicazione enogastronomica e della tradizione della cucina locale. Il tutto con il supporto sia dell’Accademia delle Erbe Spontanee, che si occupa della parte formativa alle scuole e della realizzazione di corsi di riconoscimento rivolti agli appassionati, sia con il contributo dell’Unione Cuochi di Chi Mangia la Foglia, impegnata nello studio organolettico degli elementi, dello sviluppo gastronomico, dell’organizzazione di corsi di cucina di conoscenza e di riconoscimento dei prodotti della terra.

Inoltre, ampia attenzione viene data al recupero degli orti, al loro sviluppo dal punto di vista del servizio, dell’incontro e della gestione sociale, oltre che allo studio ed alla possibilità produttiva degli ortaggi cosiddetti stagionali. Il progetto coinvolge numerose realtà comunali mettendo in rete ed a sistema operativo svariati comparti, in particolare quello agricolo con una produzione mirata, il recupero delle piante autoctone e sementi autoriproducenti, la vendita dei prodotti alle ristorazioni e consumatori locali, l’ampliamento del concetto di “Chilometro Zero” l’attenzione per il prodotto bio e l’opportunità di sviluppo di un reddito economico aggiuntivo. Attraverso questa progettualità, viene incentivata la presenza turistica con pacchetti turistici sviluppati dagli stessi agriturismi sulla particolare tematica del mondo delle erbe e degli orti, con passeggiate per riconoscere e raccogliere le erbe spontanee, con incontri, convegni e corsi su tematiche che toccano aspetti nutrizionali, officinali, cosmetici, e del grande fascino esercitato nella memoria popolare delle curiosità, dei detti e aneddoti popolari. Di rilievo il coinvolgimento e la messa a sistema dei ristoranti e agriturismi locali aderenti al circuito, dove si sviluppa un’economia indotta attraverso serate gastronomiche, guidate con menù a tema sulle erbe spontanee e sugli ortaggi di stagione, con abbinamento di vini locali e l’esclusivo servizio dell’acqua in brocca. Un’intensa attività di collaborazione fra produttori ristoratori, quindi, per uno sviluppo delle risorse agricole locali.

Appuntamento quindi nella Capitale, per la presentazione dell’edizione 2010 del volume “Le Donzellette Monsampietrine” e la proiezione del DVD “Il Circuito degli Orti”. Nell’ambito dell’iniziativa “Incontriamoci in Biblioteca”, a partire dalle ore 11 presso la Sala Cavour MiPAAF in via XX Settembre 20, interverranno Fabrizio Cesetti (Presidente della Provincia di Fermo), Giovanni Pietro Sanna (Direttore della Biblioteca Storica Nazionale dell’Agricoltura), Guglielmo Massucci (Assessore al Turismo e all’Agricoltura della Provincia di Fermo), Noris Rocchi (Presidente dell’Associazione “Chi Mangia la Foglia”) e Silvia Valori (Referente dell’Associazione B&B Gal Centro Italia), oltre ad un referente del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-07-2010 alle 18:21 sul giornale del 06 luglio 2010 - 2015 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, provincia di fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Sz