Sant'Elpidio: riqualificazione di Corso Baccio, presentata la proposta di progetto

2' di lettura 29/06/2010 -

Una platea di cittadini particolarmente attenta quella che lunedì 28 giugno ha preso parte al teatro Cicconi all’incontro organizzato dall’Amministrazione Comunale per illustrare la proposta di progetto per la riqualificazione di Corso Baccio.



Il progetto prevede: il rifacimento della pavimentazione della principale arteria del centro storico e delle Piazze: Matteotti, Cesare Battisti e Gramsci, il rifacimento dei sottoservizi, l’interramento delle linee aeree telefoniche ed elettriche, un nuovo impianto per l’illuminazione pubblica che verrà installato seguendo i criteri del maggiore risparmio energetico e del minor inquinamento, e la diffusione sonora.

“Quello di corso Baccio è un progetto che fa parte di un ampio discorso volto a coinvolgere il commercio, le strutture culturali e turistiche” – ha detto il sindaco Alessandro Mezzanotte. Il piano prevede una maggiore percorribilità e funzionalità del corso, la valorizzazione del patrimonio architettonico, la rivitalizzazione commerciale e sociale del centro storico, la diminuzione dei tempi e dei costi per gli interventi manutentivi, la riduzione degli inconvenienti e delle infiltrazioni nelle abitazioni private. Far diventare cioè il corso ed il centro un salotto urbano, un luogo per ritrovarsi e per iniziative culturali, ludiche e sportive – è stato detto in sede di presentazione. Il progetto è stato redatto dall’arch. Jessica Tarducci e dall’ing. Ernesto Ciani dell’Ufficio tecnico Comunale, che lo hanno illustrato insieme al capoarea ing. Jan Alexander Frati.

Nella redazione dello stesso ci si è avvalsi del piano regolatore, del piano particolareggiato dei centri storici, del progetto preliminare approvato, di documentazione storico-fotografica, di ricerche storiche, di sopralluoghi sugli interventi già realizzati. Le scelte progettuali sono state fatte tenendo conto della tutela dell’esistente, del rispetto della struttura, del centro storico come monumento, dell’estetica e della funzionalità, dell’innovazione tecnologica come elemento di valorizzazione del contesto storico. Il progetto, la cui redazione è stata preceduta anche da indagini del sottosuolo con strumenti georadar, è stato confrontato anche con la Sovrintendenza.

“Ci scusiamo con i cittadini ed i commercianti per i disagi durante l’esecuzione dei lavori che partiranno dal prossimo gennaio ed anche se abbiamo ipotizzato che possano durare un anno non creeranno certo disagi per 365 giorni” – ha sottolineato il sindaco che ha poi aperto il dibattito alle domande del pubblico presente.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-06-2010 alle 19:38 sul giornale del 30 giugno 2010 - 903 letture

In questo articolo si parla di politica, Sant'Elpidio a Mare, Comune di Sant'Elpidio a Mare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/F1





logoEV
logoEV