La provincia illustra nuovi progetti per la viabilità di Fermo

comune di fermo 2' di lettura 15/06/2010 -

Venerdì 11 giugno l’Assessore alla Viabilità Renzo Offidani, insieme ai tecnici del Settore Viabilità della Provincia di Fermo, ha incontrato i membri della 2^ Commissione Consiliare del Comune di Fermo, presieduta dal Consigliere Vittorio Traini, e l’Assessore ai Lavori Pubblici Gianluca Tulli per un ulteriore confronto su alcuni importanti progetti che interessano il Capoluogo.



In particolare è stato riesaminato il progetto del collegamento tra la Variante del Ferro e Campiglione di Fermo (variante all’abitato di Molini), sul quale sono state apportate alcune modifiche suggerite dalla Commissione in occasione della riunione del 19 maggio scorso. La provincia di Fermo ha già redatto il progetto per un tracciato a 4 corsie che in un primo tempo, sulla base delle risorse disponibili, ben 4.880.332,50 di euro, sarà realizzato a 2. Entro l’estate si procederà con l’approvazione degli elaborati progettuali, propedeutici alla valutazione di impatto ambientale e alla valutazione ambientale strategica.

Provincia e Comune, unanimemente, hanno inoltre ribadito la condivisione del progetto, redatto dai tecnici del settore viabilità, per una rotatoria a San Marco, tra la S.P. 224 Paludi e la S.S. 16 Adriatica, già sottoposto al vaglio dell’ANAS (Ente a cui compete la realizzazione dell’opera) che nelle prossime settimane si dovrebbe pronunciare definitivamente. L’Assessore Offidani ha anche illustrato altri interventi per migliorare la viabilità in alcuni punti critici nel Comune di Fermo, in particolare la rotatoria all’incrocio tra la S.P. 16 Castiglionese e la S.P. 87 Valdete nei pressi del distributore di benzina, la rotatoria all’ingresso del P.I.P. Girola (già concordata con l’omonimo Consorzio industriale), la modifica dell’intersezione tra la S.P. 11 Capodarco e la via Urbino nel quartiere di Lido San Michele, e un rotatoria in località Caldarette d’Ete all’incrocio tra la S.P. 87 Valdete, la S.P. 112 Val d’Ete vivo e la S.P. 56 Monterubbianese.

“Si tratta di opere importanti per la viabilità di Fermo - ha dichiarato Offidani – che contribuiranno a risolvere alcune annose criticità per il traffico cittadino. Tutti i progetti, dopo l’approvazione in linea tecnica da parte dell’Amministrazione Provinciale, saranno inviati al Comune di Fermo per le procedure di variante urbanistica. “Da parte nostra – ha ribadito il Presidente di Commissione Traini – ci sarà la massima collaborazione, consapevoli che una progettazione condivisa porta con sé la certezza di un risultato positivo per tutto il territorio”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-06-2010 alle 12:30 sul giornale del 16 giugno 2010 - 965 letture

In questo articolo si parla di viabilità, fermo, Comune di Fermo, provincia di fermo





logoEV
logoEV