Confartigianato: aprire la terza corsia tra Ancona e Porto S. Elpidio anche per lotti funzionali

Gilberto Gasparoni 3' di lettura 05/06/2010 -

La Confartigianato di Ascoli Piceno e Fermo, dichiara il responsabile Gilberto Gasparoni, chiede l’apertura della terza corsia dell’A 14 sul tratto da Ancona sud a Porto Sant'Elpidio oramai completato, così da soddisfare la domanda di mobilita` che come noto si presenta particolarmente intensa nel periodo estivo data la valenza turistica del territorio costiero interessato. Lìapertura immediata anche a stralci funzionali permetterà anche di migliorare la sicurezza dei conducenti e di facilitare i collegamenti a sud della regione.



La Confartigianato di Ascoli Piceno e Fermo, dichiara Gasparoni, chiede la realizzazione della terza corsia dell’A 14 almeno fino a Pedaso onde collegare efficacemente l’intera regione al nord Italia e favorire lo sviluppo del territorio fermano e piceno in tutte le sue opportunità. Confartigianato evidenzia anche la necessità di tutelare l’ecosistema territoriale e quindi è opportuno individuare le migliori soluzioni possibili senza dover bloccare l’ammodernamento della A 14 che registra un traffico sempre più consistente. E’ una grande opportunità, sottolinea Confartigianato, che abbiamo a portata di mano e che non possiamo lasciarci sfuggire pena la penalizzazione del territorio. Confartigianato quindi appoggia gli amministratori che sostengono il progetto delle terza corsia autostradale nel tratto Porto Sant’Elpidio-Pedaso.

Fa bene il sindaco di Porto San Giorgio Andrea Agostini che ha nuovamente scritto al Governo regionale per sollecitare la riapertura del confronto per il proseguimento della terza corsia a sud fino a Pedaso, come da progetto originario, sollecitando la ripresa di un tavolo afferente la realizzazione della III corsia autostradale nel tratto Porto Sant’Elpidio – Pedaso. E’ opportuno proseguire gli incontri succedutisi nei mesi scorsi che debbono essere efficaci. Sarebbe veramente grave secondo la Confartigianato, dopo che la Società Autostrade per l’Italia, insieme a Regione, Enti locali ed Anas hanno concluso l’iter di approvazione dei progetti relativi alla terza corsia A-14 e che i lavori sono già in corso di esecuzione in diversi tratti delle Marche. il tratto Porto Sant’Elpidio-Pedaso, invece, rimarrebbe bloccato sine die. Sono decenni che la Confartigianato, le imprese e i cittadini chiedono l’ammodernamento dell’A14, anche per alleggerire la SS 16 dal traffico intercomunale, venendo tra l’altro privati dei benefici di un significativo intervento infrastrutturale.

Sono ampliamenti necessari, sia per rendere vivibili i centri costieri che per il rapido incremento di traffico (il più elevato incremento percentuale di tutta la rete nazionale) verificatosi negli ultimi anni, tanto chè Autostrade per l’Italia s.p.a ha presentato il progetto per la realizzazione della terza corsia nel tratto di 171 km Rimini nord – Cattolica – Pedaso con la costruzione di tre nuovi svincoli. Per queste motivazioni, Confartigianato ritiene che tutte le parti interessate debbano uno sforzo concreto per migliorare le infrastrutture del fermano che viste le ristrettezze economiche, potrebbero essere forse le uniche, in tema di grande viabilità di una certa importanza, realizzabili nel breve periodo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-06-2010 alle 17:34 sul giornale del 07 giugno 2010 - 956 letture

In questo articolo si parla di attualità, confartigianato, fermo, ascoli piceno, terza corsia, gilberto gasparoni, Confartigianato Ascoli e Fermo





logoEV
logoEV