Porto S.Elpidio: bambini e tempo libero, un progetto contro i programmi diseducativi

3' di lettura 03/06/2010 -

“Come trascorrono i bambini il loro tempo libero?” è il nome del progetto ideato dal secondo circolo didattico che quest’anno ha visto coinvolti gli alunni delle classi 3°-4° e 5° elementari. Nello specifico, i bambini e le loro famiglie sono stati chiamati a rispondere ad alcune domande incentrate sul tempo libero e il risultato è stato che la maggior parte di loro trascorre la prima parte del pomeriggio davanti alla Tv, guardando i cartoni animati che, a partire dalle 14, vengono trasmessi su Italia 1.



Il problema è che si tratta di cartoni molto diseducativi e dai contenuti non adatti a bambini quali sesso e conflittualità familiari. Di conseguenza le insegnati, insieme alle psicologhe Deborah Tamanti e Maria Cristina Manzini, hanno stilato una serie di piccoli consigli finalizzati ad aiutare i bimbi a trascorrere meglio il loro tempo libero, come invitare a casa gli amici di scuola, guardare la Tv insieme ai genitori e ritrovare i giochi di una volta. “Noi genitori- ha spiegato il sindaco Mario Andrenacci- troppo spesso deleghiamo alla Tv il compito di colmare la nostra assenza. Al contrario, l’indagine fatta dal secondo circolo didattico ci fa capire che è necessario un intervento pedagogico ed educativo mirato e specifico sui nostri bambini, da realizzare in sinergia con la scuola e le famiglie.

Soltanto così da semplici spettatori passivi, i nostri figli potranno diventare attenti e critici nei confronti della Tv discernendo e selezionando i programmi più giusti da guardare. In quest’ottica sarà importante il supporto dei genitori, che dovranno essere da stimolo per riprendere qualche sana abitudine del passato in grado di favorire la socializzazione e riscoprire l’importanza del gioco”.

“Il progetto Tempo Libero- ha concluso Maria Cristina Manzini, psicologa dell’Ambito Sociale XX- è iniziato lo scorso anno con un questionario che è stato distribuito alle classi 4° e 5° del secondo circolo didattico, per un totale di 200 bambini. Da questa prima indagine è emerso che i bambini avevano una predilezione per i video giochi e la televisione. Sulla base di questi risultati abbiamo quindi aperto una riflessione con i genitori e quest’anno abbiamo allargato l’indagine anche alle classi 3° di tutti i plessi del secondo circolo. Ancora una volta il risultato è che i bambini guardano molta Tv e, soprattutto, i cartoni animati che vengono trasmessi a partire dalle 14 su Italia 1, cartoni che abbiamo guardato insieme ad un campione di genitori e che sono altamente diseducativi.

Per tale motivo, oltre ad inviare un esposto al Garante per l’Infanzia, abbiamo stilato una serie di consigli per migliorare la qualità del tempo libero dei bambini. Inizieremo anche una collaborazione con l’associazione Linea Innocenza, che si occupa di tutelare i minori nei confronti dei pericoli che nasconde internet. Per tutti si è trattato di un lavoro a più fronti che ha coinvolto noi psicologhe, i bambini, le insegnanti e le famiglie che ha l’obiettivo specifico di tutelare i minori in questa delicata fase della loro crescita”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-06-2010 alle 01:56 sul giornale del 03 giugno 2010 - 1018 letture

In questo articolo si parla di attualità, porto sant'Elpidio, Comune di Porto Sant'Elpidio





logoEV
logoEV