Amandala: una conferenza sulle relazioni affettive e professionali

1' di lettura 24/05/2010 - La bontà e la qualità delle relazioni dipende dalla buona ed adeguata comunicazione. Ma come si fa ad imparare quella giusta nelle tante e variegate situazioni che si presentano nella nostra vita?

E si, perché sono numerose e complesse le variabili che intervengono nei vari rapporti relazionali che quotidianamente ognuno di noi si trova ad affrontare e soprattutto sono diversi gli approcci, gli stili e le metodologie di comunicazione che occorre adottare per far si che le relazioni funzionino bene nei diversi campi di applicazione. Un’occasione ottima per acquisire le prime competenze necessarie per instaurare buone relazioni e superare le conflittualità sarà certamente la conferenza “Sopravvivere al conflitto nelle relazioni affettive e professionali” che sarà tenuta dal prof. Franco Nanetti, psicoterapeuta, docente universitario, autore di numerose pubblicazioni su vari temi di psicologia applicata, relatore di livello internazionale. Si terrà venerdì 11 giugno dalle 17.00 in poi nello storico teatro La Fenice di Amandola, un autentico gioiello tra i piccoli teatri delle Marche, elegante e raffinato nei decori e nell’arredamento.

Alla conferenza, aperta a tutti e con ingresso gratuito, farà seguito il seminario esperienziale, sempre tenuto da Nanetti, su “Come gestire i conflitti per migliorare la comunicazione nella coppia, nella famiglia e nel lavoro”. Quest’ultimo avrà un’impostazione più pragmatica dove s’impareranno a mettere in atto degli aspetti relazionali e delle forme comunicative efficaci con un immediato coinvolgimento di se stessi. L’organizzazione Associazione Italiana Psicologia Applicata e della Comunicazione (Aipac) col sostegno Fondazione Carisap, patrocinio Comune di Amandola, Comunità Montana dei Sibillini, Provincia di Fermo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-05-2010 alle 14:11 sul giornale del 25 maggio 2010 - 726 letture

In questo articolo si parla di attualità, Aipac





logoEV
logoEV