Di Ruscio: valutazione del consuntivo di bilancio 2009 e riqualificazione città

ex campo volo 5' di lettura 12/05/2010 - L’occasione del consuntivo di bilancio 2009 rappresenta non solo un importante momento di analisi dello stato di salute del Comune di Fermo ma anche l’occasione per una valutazione politica dell’operato di questa Amministrazione.

Tanti sono gli obiettivi raggiunti. A livello culturale il 2009 è stato l’anno che ha segnato per Fermo e per il Teatro dell’Aquila una delle migliori stagioni di prosa, liriche e concertistiche. A confermarne il successo anche ‘fuori confine’ sono state le tante prenotazioni provenienti da tutta Italia. Da segnalare anche l’anteprima nazionale del musical Cats e un teatro diventato sempre più punto di riferimento per grandi produzioni sia per la musica leggera che per altri spettacoli (Loretta Goggi, Britti, Malika e tanto altro ancora).

L’anno trascorso ha anche segnato un vero e proprio record di eventi per quel che riguarda la stagione estiva. Tutto il territorio comunale è stato caratterizzato da spettacoli, concerti, mercatini dedicati alle tipicità locali, momenti culturali per non parlare delle mostre che hanno avuto una eco a livello regionale e nazionale.

A sancire il successo di questi investimenti sono i dati turistici della Regione Marche che hanno visto la provincia di Fermo al primo posto per incremento di arrivi e presenze nel 2009. Lo confermano anche i dati delle visite alle strutture museali comunali: da Palazzo dei Priori alla Sala del Mappamondo fino alle Cisterne Romane. Di fronte a tutto questo non sono stati dimenticati interventi mirati ai cittadini. Primi su tutti quelli inerenti la viabilità (con la riqualificazione degli accessi a Fermo capoluogo, in primis la Variante del Ferro) e la sicurezza ( video sorveglianza, servizio straordinario estivo dei Vigili Urbani, ordinanza anti prostituzione sulla costa).

Per quel che riguarda il sociale inoltre, anche nel 2009, il Comune di Fermo può vantarsi di aver confermato il suo ruolo di eccellenza con finanziamenti alle categorie disagiate, aiuti alle famiglie con disabili, e ai giovani studenti per i libri di testo, agli anziani.

Un riconoscimento oggettivo del lavoro svolto che viene confermato anche da analisi autorevoli, come quella recentemente pubblicata da Il Sole 24 Ore, che vede Fermo come il Comune capoluogo della regione che grava meno sulle tasche dei cittadini con tasse ed imposte e che allo stesso tempo è al primo posto della classifica dei Comuni che investono di più. Numeri che evidenziano la positività politica dell’operato dell’Amministrazione Di Ruscio in un periodo di crisi economica globale. Anche in questo contesto i disagi sociali nel territorio, seppur evidenti, sono stati ridotti rispetto ad altre realtà simili alla nostra.

Da evidenziare inoltre il rispetto del patto di stabilità con tanto di avanzo a dimostrazione del fatto che le entrate hanno superato le spese in uscita. Un senso di responsabilità che va in contrasto con la campagna mediatica portata avanti dall’opposizione, sia durante il voto per le provinciali che in seguito, nella quale sono stati fatti passare messaggi volutamente mirati a danneggiare la città dipingendo quest’Amministrazione come ‘devastatrice del territorio’. La realtà è ben diversa e mira ad un programma a lungo termine, in positivo, per la crescita e nel rispetto del territorio. Partendo dal nuovo depuratore in zona Paludi che servirà per risanare tutta l’area ovest di Fermo con la conseguente eliminazione del depuratore di Lido di Fermo e la riqualificazione costiera.

Altro esempio su come il centro sinistra ha cercato di manipolare l’opinione pubblica è stato quello del recupero dell’ex Cinema Nuovo. E’ il confronto tra il prima e il dopo a parlare da solo (vedere foto allegate). Quello che prima era un edificio fatiscente, lasciato all’abbandono e che rappresentava un esempio di degrado in pieno centro storico è stato trasformato oggi in una realtà ben integrata con il contesto urbano, in grado di offrire servizi ai cittadini, uffici, parcheggi.

Ma il caso più emblematico che bene rende l’idea della strategia denigratoria e distruttiva portata avanti dal centro sinistra nei confronti del Sindaco, dell’Amministrazione e a danno di tutta la città, è quello dell’area ex campo di volo a Marina Palmense. Abbiamo trasformato una zona abbandonata, diventata negli anni punto di appoggio per i nomadi e per le prostitute, in un’oasi naturalistica a ridosso del mare.


Dopo aver fatto tanto clamore per il deposito sabbia, rivelatosi un buco nell’acqua, l’opposizione sembra preferire il silenzio piuttosto che evidenziare il fatto che nuove specie di uccelli protetti (Rratino, Germano Reale, Cavaliere Italiano, Ciurlo) stiano popolando la nuova oasi naturalistica di Marina Palmense, per non parlare della vegetazione. Invito queste persone a visitare personalmente quella che oggi è diventata una vera e propria oasi con una spiaggia completamente riqualificata (vedere foto allegate).


Il messaggio strumentale che è stato fatto passare e che ha contribuito a creare una visione negativa del territorio e dell’operato dell’Amministrazione viene completamente smentito dai fatti. Fermo è una città in crescita, lo dimostra il grande fermento che ogni fine settimana caratterizza la città (convegni, manifestazioni sportive, attività culturali, mostre, spettacoli) e il grande numero di presenze turistiche. Un lavoro che viene portato avanti nel pieno rispetto del paesaggio e delle caratteristiche del territorio

da Saturnino Di Ruscio
sindaco di Fermo






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2010 alle 20:02 sul giornale del 13 maggio 2010 - 842 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, Comune di Fermo, saturnino di ruscio





logoEV
logoEV