La Biblioteca di Fermo partecipa alla fiera internazionale del Libro per Ragazzi

libro per bambini 3' di lettura 22/03/2010 - La Biblioteca di Fermo parteciperà alla Fiera internazionale del Libro per Ragazzi di Bologna, in occasione della quale si incontrano e si confrontano annualmente gli operatori del settore: agenti letterari, editori, librai, distributori, bibliotecari, organismi internazionali si danno appuntamento quest’anno dal 23 al 26 marzo per fare il punto sull’editoria per ragazzi.

In questo contesto, il 25 marzo alle ore 10.30, si terrà una tavola rotonda sul tema: “Come avvicinare i bambini al mondo dei libri antichi”, organizzata da Artelibro – Festival del libro d’arte e dalla casa editrice Carthusia, che nell’occasione presenta il libro di Roberto Piumini e Adriana Paolini: “L’invenzione di Kuta”, dedicato alle origini della scrittura raccontate ai più piccoli. Alla tavola rotonda, cui siederanno -oltre agli autori del libro- il Paleografo Attilio Batoli Langeli, il Direttore del Centro per il Libro e la Lettura, la Soprintendente per i beni librari e documentari della Regione Emilia Romagna, i referenti delle biblioteche di Padova, Cesena ed Empoli, parteciperà la Direttrice della Biblioteca Civica di Fermo, Maria Chiara Leonori, che porterà il contributo dell’apprezzata esperienza fermana nel campo dei percorsi didattici del libro antico. L’intervento della Dr.ssa Leonori, dal titolo: “Questo libro? Un gregge di pecore! Attualizzazione e strategie di comunicazione nella didattica del libro antico in biblioteca”, fa il punto sull’esperienza ormai quindicinale della Biblioteca Civica “Romolo Spezioli” nella presentazione ai più piccoli della storia del libro, della scrittura, della tradizione manoscritta: un’attività sulla quale la Biblioteca ha investito molte energie, nella consapevolezza che –se la vocazione principale dell’Istituto è quella della conservazione, della ricerca e della valorizzazione dei prestigiosi fondi antichi- le raccolte che vi si conservano sono sì bacino e terreno di studio per gli esperti, ma anche patrimonio vivo per tutta la collettività, che deve poterne fruire nelle forme adeguate, siano esse esposizioni bibliografiche, incontri divulgativi, visite guidate, percorsi di conoscenza.


Il punto di forza del percorso che verrà illustrato alla Fiera di Bologna sta nella possibilità per i giovanissimi fruitori di incontrare dal vivo i libri antichi della Biblioteca di Fermo, il cui fascino non è paragonabile a nessuna riproduzione, e di conoscerne la storia, le caratteristiche materiali e testuali, le tecniche ed i materiali di costruzione attraverso continui rimandi all’attualità e all’esperienza di vita dei ragazzi, spaziando da word ad Harry Potter , da internet alle clip art. Un percorso educativo fondato su tradizione, vissuto presente e senso critico che incontra ampiamente il favore degli insegnati e dei bambini, come dimostra il fatto che, nei quindici anni in cui la direzione della Biblioteca ha strutturato, svolto e fatto crescere i percorsi sul libro antico, si sono avvicinati a questa particolare attività didattica circa 5.000 bambini, soltanto per limitarsi ai dati della scuola primaria e secondaria di primo grado. Nel contesto della Fiera saranno presentati al pubblico anche i laboratori sul libro che fanno parte del pacchetto didattico della cooperativa Sistema Museo, che con la sua attività presso i Musei di Fermo e la Sala del Mappamondo integra con il “fare ed il manipolare” l’attività formativa svolta dalla Biblioteca; tra gli altri titoli proposti: “Gli antenati della carta”, “Facciamo un libro”, “Il libro delle Fantapagine”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-03-2010 alle 16:47 sul giornale del 23 marzo 2010 - 8493 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, libro, ragazzi, bologna, Comune di Fermo, fiera internazionale del sito





logoEV
logoEV