Consiglio Comunale, approvati importanti punti all’ordine del giorno

saturnino di ruscio 3' di lettura 16/03/2010 - Il Consiglio Comunale che si è riunito venerdì 12 marzo, ha valutato e approvato importanti punti all’ordine del giorno. Tra questi: L’approvazione dell’atto d’indirizzo, esposto dal Sindaco di Fermo Saturnino Di Ruscio, sulla realizzazione e ubicazione del nuovo ospedale baricentrico nel territorio del Comune di Fermo.

Nell’atto d’indirizzo del Sindaco Di Ruscio (aggiornato con un emendamento presentato dall’opposizione) s’impegna l’Amministrazione a dar seguito, nell’ambito dell’accordo di programma con la Regione Marche e l’Asur, alle procedure di localizzazione del nuovo ospedale di rete nel territorio del Comune di Fermo, zona Campiglione/San Claudio. Si impegna inoltre l’Amministrazione, a farsi parte attiva affinchè, nelle more del riassetto del sistema sanitario locale conseguente la realizzazione del nuovo ospedale, possano essere raggiunti obiettivi come il potenziamento delle attività distrettuali specialistiche ambulatoriali di diagnostica (punto prelievi, esami radiologici ed ecografici); attivazione ambulatorio territoriale medico infermieristico (AMB. T.A.P.); migliore integrazione funzionale delle prestazioni specialistiche erogate dalle strutture sanitarie esistenti quali INRCA e Villa Verde; attivazione di linea diretta di trasporto pubblico tra il capoluogo e il nuovo ospedale.


Altro aspetto quanto mai importante messo in evidenza del Sindaco Di Ruscio è l’impegno dell’Amministrazione e degli uffici comunali competenti a verificare l’assetto territoriale e la compatibilità urbanistico/ambientale ai fini dell’adozione di una specifica variante per la realizzazione della nuova struttura ospedaliera e dell’eliminazione di eventuali industrie insalubri.

“Resta il fatto – spiega il Sindaco Di Ruscio - che la Regione Marche, al momento, sembra ignorare le problematiche sanitarie dell’ospedale Murri di Fermo, con tutti i disservizi che ne conseguono a discapito dei cittadini. Per non parlare inoltre delle polemiche degli ultimi mesi che hanno interessato settori quanto mai decisivi come la gestione delle liste di attesa o lo scandalo delle badanti di Cittadinanza Attiva all’interno del quale sono coinvolti personaggi con oggettivi legami con il centro sinistra”.


E’ stata approvata la variante urbanistica dell’area progetto n. 40 in località Lido di Fermo il cui scopo è quello di variare l’azzonamento dell’APR (area progetto) con lo spostamento della previsione edificatoria al di fuori dell’ambito di tutela del litorale marino (ml. 300 dalla battigia), come prescritto dalla Provincia in sede di approvazione del Piano Regolatore. L’area interessata ha una superficie complessiva di 9.550 mq e confina a nord con l’abitato di Casabianca, a sud con Via Pigafetta, ad est con la ferrovia e ad ovest con Via Rossetti. Prevista inoltre la realizzazione, a carico di privati, di un’area parcheggi per una superficie di 2.100 mq. Un ulteriore punto di appoggio in occasione dei grandi eventi estivi e per favorire il turismo sulla costa fermana.



Consiglio che ha provveduto inoltre all’approvazione definitiva della variante parziale al Piano Regolatore per l’adeguamento della viabilità in zona Santa Caterina. Un intervento a servizio della zona edilizia b di completamento, i cui collegamenti viari saranno a carico dei privati responsabili dei lotti residenziali.



Sempre nel contesto delle varianti urbanistiche è stata approvata anche la variante al Piano Insediamenti Produttivi Girola adottata con delibera di consiglio comunale n. 103 del 5/11/2009, tenuto conto dell’esito delle determinazioni assunte in merito alle osservazioni trattate e facendo proprie tutte le prescrizioni impartite nei pareri acquisiti. La variante parziale, prevede la trasformazione di un’area destinata a servizi in lotto produttivo e la trasformazione dell’area occupata da una vecchia casa colonica in area di servizio. Previsto il recupero e il restauro dell’edificio che verrà utilizzato come struttura di supporto per gli insediamenti produttivi. Variante che ha inoltre reso disponibile un nuovo lotto da assegnare. Con i proventi della vendita di quest’ultimo verrà finanziata la realizzazione di una nuova rotatoria, sulla Mezzina che dovrà rappresentare un secondo punto di accesso all’area artigianale Girola. Il progetto già si trova al vaglio della Provincia di Fermo.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-03-2010 alle 18:05 sul giornale del 17 marzo 2010 - 2004 letture

In questo articolo si parla di politica, fermo, Comune di Fermo





logoEV
logoEV