Confindustria Fermo a Tipicità, convegno dell\'agroalimentare

cibo 1' di lettura 11/03/2010 - \"Internazionalizzazione e frodi alimentari\". Convegno dell\'agroalimentare di Confindustria Fermo a Tipicità. Il sottotitolo è “La tutela del valore del tipico nel mercato globale”. L\'incontro si terrà domenica prossima alle ore 15 presso la sala convegni della Fiera Tipicità.

L\'idea nasce da una convinzione e da una domanda. Le piccole dimensioni delle aziende agroalimentari locali spesso non permettono un\'adeguata internazionalizzazione; di più, le contraffazioni e la concorrenza sleale ostacolano la conoscenza dei nostri prodotti. Come difendersi allora dalle frodi alimentari e come potersi internazionalizzare utilizzando tutti gli strumenti a disposizione? L\'argomento verrà approfondito e analizzato da illustri tecnici e con una testimonianza di un imprenditore che ha completato la fase di studio d\'internazionalizzazione.


Dopo l\'introduzione di Andrea Maroni, presidente della sezione agroalimentare di Confindustria Fermo, la tavola rotonda vedrà impegnati Paolo Petrini, assessore all\'agricoltura della regione Marche, Laura Marisa La Torre, direttore generale della vigilanza per la qualità e la tutela del consumatore, Luigi Pelliccia, direttore Centro studi Federalimentare, Roberto Lovato, dirigente area agroalimentare ICE, Antonio Cocci, presidente Casato Group Spa. Modererà il presidente dell\'Ordine dei giornalisti Marche Gianni Rossetti.


Le conclusioni verranno tratte dal Sottosegretario di stato alle Politiche agricole e forestali on. Antonio Buonfiglio. Porteranno il loro saluto il presidente della provincia di Fermo Fabrizio Cesetti, il sindaco di Fermo Saturnino Di Ruscio, il presidente della CCIAA Graziano Di Battista, il presidente di Confindustria Fermo Luca Monaldi, il presidente della Consulta Agroalimentare di Confindustria Marche Angelo Galeati






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-03-2010 alle 15:58 sul giornale del 12 marzo 2010 - 1424 letture

In questo articolo si parla di attualità, cibo, confindustria fermo





logoEV
logoEV