Porto San Giorgio: bozza di Bilancio presentata in Giunta

bilancio 3' di lettura 24/02/2010 - Nella seduta di giunta di ieri, 23 febbraio, l’assessore Alvaro Stampatori ha presentato la bozza di bilancio di previsione per l’anno 2010 al sindaco Andrea Agostini ed ai colleghi per un confronto tra le esigenze dei relativi Peg di ciascun dipartimento e le risorse effettive del comune di Porto San Giorgio.

“Molto serenamente – commenta Stampatori - i singoli assessori hanno recepito le difficoltà che derivano dai minori trasferimenti che nel 2010 Stato, Regione, e Provincia effettueranno in favore degli enti comune: essi sono stati disponibili a confortarsi con il macigno restrittivo che pesa su ogni amministrazione comunale. E’ stato esposto inoltre che in conseguenza della legge di attuazione del federalismo fiscale, a tutte le amministrazioni comunali è fatto divieto di decidere nuove imposizioni sui contribuenti”.

L’assessore al bilancio ha fatto presente in primo luogo la metodologia seguita per la redazione del bilancio di previsione, diversa nella natura a quella degli anni precedenti. “Anziché deludere i colleghi assessori nelle loro richieste che di anno in anno normalmente si fanno più onerose – spiega Alvaro Stampatori - abbiamo stabilito di porre a base i finanziamenti di ogni settore corrispondenti ai reali finanziamenti attribuiti nell’anno 2009.


Successivamente valuteremo la reale disponibilità finanziaria delle casse comunali e di fronte ad un saldo negativo di 300.000 euro, sono state diminuite le dotazioni di ogni settore. Fa eccezione a questo criterio solo e soltanto il settore dei servizi sociali, per i quali – dice Stampatori – è stato garantito non solo il mantenimento, anzi una seppur minima, maggiore dotazione, perché la sensibilità dell’amministrazione comunale è sempre rivolta ad investire in favore dei ceti più disagiati. Abbiamo ritenuto che questo fosse uno degli obiettivi più importanti da rispettare”.


L’unica facoltà impositiva rimasta all’amministrazione comunale è la Tarsu, che poteva essere aumentata, ma anche in questo caso, per iniziativa del Sindaco, dell’assessore Stampatori e dell’intera giunta, si è deciso di rispettare l’impegno assunto in consiglio comunale di non aumentarla.


“Riteniamo – conclude Stampatori - che il 20% di aumento operato lo scorso anno debba essere valido e sufficiente per soddisfare le esigenze del piano industriale triennale votato dal consiglio comunale. Conosciamo tutti le difficoltà finanziarie della società San Giorgio distribuzione servizi recentemente all’attenzione di consiglio comunale, stampa ed opinione pubblica.


Ma la giunta ha ritenuto di scegliere un atteggiamento responsabile verso il cittadino, attendendo gli sviluppi di carattere amministrativo-giudiziario, per poter accedere attraverso un nuovo consiglio di amministrazione ed un tecnico esperto alla storia ed alle modalità con cui la società è stata gestita. Fatto ciò, si potranno decidere tutte le azioni necessarie a risanare la situazione ed a tranquillizzare i dipendenti di questa società, preoccupati per il mantenimento del loro posto di lavoro e per il sostentamento delle loro famiglie”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-02-2010 alle 17:54 sul giornale del 25 febbraio 2010 - 1166 letture

In questo articolo si parla di politica, bilancio, porto san giorgio, Comune di Porto San Giorgio