Fabio Isman, presenta il suo libro

libro 1' di lettura 22/02/2010 - Giovedì 25 febbraio alle ore 18.00, nell’aula magna della Facoltà di Beni Culturali dell’Università di Macerata, con sede a Fermo, ci sarà un incontro col giornalista Fabio Isman, che presenterà il suo libro I predatori dell’arte perduta. Il saccheggio dell’archeologia in Italia.

Inviato speciale de “Il Messaggero” e per 10 anni titolare della rubrica “La pagina nera” su “Art e Dossier”, Fabio Isman è un giornalista che si occupa prevalentemente di patrimonio culturale. In questo libro-inchiesta, scritto come un thriller, l’autore illustra il furto sistematico di capolavori archeologici, che vengono esportati all’estero con la complicità di “tombaroli”, mercanti d’arte, direttori di musei, restauratori, per essere venduti a grandi musei internazionali, americani ed europei, e alle massime collezioni private del mondo, spesso le più misteriose.


Solo una piccola parte di questa grande razzia è stata finora restituita e recentemente esposta al Quirinale. Sulla base di interviste e documenti giudiziari, viene ricostruito, come non era mai stato fatto, il massimo saccheggio d’arte e cultura che ha colpito un Paese occidentale nell’ultimo secolo. L’incontro con Isman è dunque un’occasione unica per discutere e riflettere insieme sulle sorti dei Beni Culturali in Italia e specificatamente di questi oggetti che, scavati clandestinamente, vengono sradicati dai loro contesti, perdono la loro storia e rischiano di diventare muti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2010 alle 15:10 sul giornale del 23 febbraio 2010 - 1074 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, libro, Comune di Fermo, volume





logoEV
logoEV