Confindustria al Micam di Milano, insieme al Distretto calzaturiero

3' di lettura 22/02/2010 - “Il Micam rappresenta un esame importante per le nostre aziende del settore calzaturiero. Come sempre Confindustria Fermo sarà al fianco degli associati presenti all’appuntamento milanese”.

Luca Monaldi, presidente di Confindustria Fermo, fa il punto della situazione a una settimana dal via del Micam ShoEvent, il salone mondiale della calzatura che si svolgerà dei padiglioni fieristici di Milano-Rho dal 2 al 5 marzo. “I numeri confermano che sarà un’edizione record - dice Monaldi -. Basti dire che, nonostante le difficoltà del sistema economico, il numero delle aziende espositrici è rimasto pressoché invariato: saranno 1.597 quelle presenti al Micam, contro le 1.611 del marzo di un anno fa. L’area espositiva è sempre di 72.000 mq. Dunque, il settore tiene duro e resiste.


Questo grazie a imprenditori che continuano a proporre prodotti e campionari innovativi, legati al trend e alla moda”. Saranno oltre 300 le imprese marchigiane presenti, due/terzi delle quali provenienti dal Fermano: “Il nostro Distretto farà la parte del leone e lo farà bene. Confindustria Fermo sarà vicina, anche con un proprio ufficio, nei padiglioni di Milano-Rho. Oltre allo stand da 160mq che metterà in mostra le eccellenze del Distretto calzaturiero delle Marche, Confindustria Fermo attiverà, come sempre accade al Micam, una propria postazione dove ci si potrà rivolgere per pratiche burocratiche, fax, segreteria”.


Monaldi crede nel Micam ormai alle porte: “Sarà importante il numero dei visitatori e dei buyer presenti: bisogna tenere a mente i dati del 2009, quando furono in 36.555 i visitatori ufficiali all’appuntamento di primavera e ben 39.857 a quello settembrino. Massima attenzione anche ai compratori stranieri: le calzature made in Fermano fanno scuola in tutti i continenti e rappresentano un’eccellenza del made in Italy. Visto che saranno in vetrina le collezioni autunno-inverno, che garantiscono alti volumi d’affari, sarà importante valutare bene il bilancio del Micam per un primo esame preventivo dell’intera annata.


Sono fiducioso: le nostre imprese hanno le carte in regola per affrontare il 2010 che, nonostante gli indicatori ci inducano a pensare positivo, resterà problematico”. Monaldi ha aderito con entusiasmo all’iniziativa di proporre al Micam lo stand del Distretto calzaturiero delle Marche, presente al padiglione 5: “Il progetto è della Camera di Commercio e dell’Azienda Speciale Fermo Promuove, grazie all’Anci e alla sezione calzaturiera di Confindustria Fermo è stato possibile reperire, a costo zero, l’area di 160 mq dove sorgerà lo stand.


Si tratta del primo caso di co-marketing che vede in primo piano la sinergia tra Regione, Province, Camera di Commercio, Comune di Fermo, varie associazioni e i sistemi turistici. Le Marche e il Fermano, insomma, avranno una vetrina speciale con ritorno d’immagine garantito. Calzature in primo piano, ma anche altre tipicità e il meglio dei prodotti enogastronomici. Mi è stato riferito di un’ampia copertura mediatica, anche di livello nazionale e oltre: ci sono tutti i presupposti per un successo di questa iniziativa che, in futuro, mi auguro venga riproposta e potenziata”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2010 alle 17:16 sul giornale del 23 febbraio 2010 - 1249 letture

In questo articolo si parla di fermo, Comune di Fermo, confindustria fermo, micam