Di Ruscio: il centro sinistra sta vivendo una realtà virtuale e non reale

saturnino di ruscio 2' di lettura 10/02/2010 - \"Parla di una maggioranza che non c’è e di una città paralizzata. Se fossi al loro posto mi preoccuperei piuttosto delle loro vicende interne\".

Basta guardare alla situazione della Regione con i Consigli Regionali ormai regolarmente bloccati, con il presidente Gian Mario Spacca candidato originariamente con l’appoggio di undici liste e che ogni giorno ne perde una, per non parlare infine degli spot elettorali per il nuovo ospedale di Fermo. Ente diverso ma stessi problemi anche per quanto riguarda la Provincia di Fermo che ormai, dopo otto mesi dall’insediamento, ancora deve far capire le sue intenzioni ad eccezione di un presenzialismo ‘spinto’ da parte di tutti i membri della Giunta.



Un elemento, quest’ultimo, che non può nascondere però all’evidenza di tutti i cittadini la carenza di iniziative programmatiche che lasciano il tempo che trovano, l’assenza di progetti concreti a lungo termine e di strategie d’investimento per il futuro. Di fronte a questo ‘spettacolo’ messo in scena dal centro sinistra a più livelli (Regione, Provincia ecc.) questa Amministrazione, anche se in un clima di dialettica politica abbastanza vivace, continua ad inaugurare nuove attività per la città. Un esempio su tutti è la Casa dello Studente, inaugurata ieri, e che va a completare un percorso che ha rivoluzionato in positivo la realtà universitaria di Fermo, arricchendola di tre nuove sedi, due biblioteche universitarie ed oggi anche la casa dello studente. Solo per citare gli interventi più recenti. In questi anni la Città di Fermo ha visto la sua viabilità completamente rivoluzionata, ovviamente in positivo, ed è diventata un modello di sicurezza con la media dei reati più bassa per quel che riguarda i comuni della Regione con oltre 15 mila abitanti. A questo si aggiunge un’attività culturale e teatrale quanto mai vivace che, nonostante l’assenza di risorse pubbliche, si è contraddistinta a livello nazionale.



Un esempio è la grande rilevanza che ha avuto il progetto “Ti Piace l’Opera” e “ Scuola di Platea” che sono state anche al centro di una trasmissione RAI. Da aggiungere, ancora, l’apertura e progettazione di 4 nuovi teatri: Capodarco, Antonini, Villa Vitali e l’ex Cinema Helios. Potremmo continuare ancora a lungo. Il centro sinistra può dunque stare tranquillo che, se c’è un fallimento, non è certo quello dell’Amministrazione Di Ruscio ma sarà il loro.


da Saturnino Di Ruscio
sindaco di Fermo




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-02-2010 alle 19:20 sul giornale del 11 febbraio 2010 - 1030 letture

In questo articolo si parla di attualità, saturnino di ruscio, sindaco di fermo





logoEV
logoEV