Concluso il ciclo di incontri \'Autunno da sfogliare\'

fermo 2' di lettura 18/12/2009 - Con l’appuntamento del 16 dicembre sì è chiuso il ciclo di incontri “Autunno da sfogliare” organizzato dalla Biblioteca Civica “Romolo Spezioli” nell’ambito dell’iniziativa nazionale “Ottobre, piovono libri” promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Gli undici appuntamenti che si sono susseguiti con cadenza settimanale da ottobre alla metà di dicembre hanno avuto come denominatore comune la valorizzazione degli autori, dei personaggi, dei luoghi, della storia del territorio. Dopo l’apertura dedicata per tre appuntamenti alla scrittura narrativa (Angelica Zucconi con “Napoleona”, Antonietta Langui con “Lungo il sentiero in silenzio”, Marina di Domenico con “Il giardino di Elena”), sono stati protagonisti i temi ambientali (ad es. con “Gli alberi monumentali delle Marche” di Valido Capodarca), le personalità illustri del territorio (si pensi al grande successo del “Chiosco delle Fenici” del Prof. Mignini, su Matteo Ricci, al profilo delineato da Rolando Perazzoli e Vermiglio Ricci del poeta cinquecentesco Giovanni Battista Evangelista, o alla giornata di studi su Luigi Lanzi a cura dell’Accademia Georgica di Treia), la storia di grande respiro (il grande conflitto tra la Cristianità ed i Turchi è ben emerso nell’incontro con la Dr.ssa De Fazi e dai suoi studi sulle fonti relative alla battaglia di Lepanto), la storia locale (i “Bagliori di pace in tempo di guerra” di Maura Iacopini, gli Annali e le Cronache fermane dell’Editore Andrea Livi curate dal Prof. Petruzzi), le antiche biblioteche (nel quadro affascinante che ne ha tratteggiato la prof.ssa Marisa Borraccini).



Il territorio è stato però protagonista anche per altre importanti ragioni: in primo luogo perché la rassegna è stata sostenuta da numerosi Enti ed Associazioni impegnati nella valorizzazione della cultura locale: l’Arcidiocesi di Fermo, l’Università degli Studi di Macerata, la Fondazione Carifermo, Italia Nostra, l’Associazione Regionale Editori Marchigiani, l’Accademia Georgica di Treia; in secondo luogo, perché la sede che si è voluto scegliere per gli appuntamenti è stata, quest’anno, la sala storica di lettura della Biblioteca Civica. “Questa ambientazione ha incontrato un largo favore da parte del pubblico - commenta Maria Chiara Leonori direttrice della Biblioteca di Fermo - che nella bella sala che faceva bella mostra di sé sulla piazza nei dopocena autunnali è stato particolarmente numeroso e caloroso nell’apprezzamento dell’iniziativa, divenuta per molti una piacevole e ricorrente occasione di incontro”. Sono state oltre 500 le persone che hanno seguito gli incontri e, tra questi, tanti volti amici della Biblioteca, numerosi fermani richiamati dalle tematiche proposte, nutrite rappresentanze degli studenti cittadini ed un bel pubblico che dalle Marche e da oltre regione ha seguito con curiosità ed interesse editori, argomenti, personaggi noti e meno noti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-12-2009 alle 19:03 sul giornale del 21 dicembre 2009 - 1236 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, Comune di Fermo





logoEV
logoEV