Assestamento del bilancio: un atto obbligatorio per una gestione migliore

saturnino di ruscio 7' di lettura 02/12/2009 - L’assestamento non è un atto obbligatorio ma rappresenta l’ultima variazione di bilancio per gestire con oculatezza il piano amministrativo e finanziario degli ultimi mesi dell’anno.

Un 2009 sicuramente difficile, definito dal Presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca come ‘annus horribilis’. Tra i dati registrati quello del calo dell’addizionale Irpef (sintomo della riduzione dei lavoratori dipendenti, autonomi, imprese individuali e soci delle società di persone) e quello dei proprietari terrieri che chiedono la riclassificazione dei lotti da edificabile ad agricola per non pagare l’Ici.


Nonostante la peggiore crisi finanziaria ed economica dal dopoguerra, l’Amministrazione Comunale fermana guidata dal Sindaco Saturnino Di Ruscio e grazie al supporto dei suoi collaboratori, della struttura burocratica comunale ed a volte anche della stessa opposizione, hanno consentito di riportare il bilancio all’interno del patto di stabilità (prima, sino al 2001, non era rispettato) e di avviare iniziative e progetti in tutti i settori della pubblica amministrazione che stanno cambiando il volto della città di Fermo che oggi vanta una credibilità ed un peso che prima non aveva.


Basta guardare il 2009 e vedere le tante cose che sono state fatte, nonché la capacità di pagare i debiti delle vecchie amministrazioni che ci hanno preceduto, nonostante il tentativo dell’opposizione di rigirarci i debiti da loro stessi accumulati. Un anno comunque quanto mai vitale.


Per prima cosa ci sono le numerose inaugurazioni previste per le prossime settimane: teatrino di Capodarco (5-6 dicembre), Piazza Verdi ( 13 dicembre), l’ampliamento del Centro Montessori (17 dicembre), Materna San Giuliano (7 gennaio ) e il polo per l’infanzia San Tommaso (data da definire). C’è poi la cultura, con le tante mostre, presentazioni di libri, una stagione di prosa e di lirica di eccellenza che sta richiamando pubblico da tutta Italia e dall’Europa. Tra i tanti aventi culturali vanno ricordate le dirette su RadioRai del professor Umberto Broccoli. Cultura in forte crescita che ha bisogno anche di nuovi spazi. Da questo dato di fatto ci siamo mossi con il nuovo teatrino di Capodarco, l’operazione Cinema Helios con il gruppo BAG-Nero Giardini per la creazione di un auditorium a servizio del territorio con circa 500 posti, il restauro dell’aula consiliare e tanto altro ancora. Al via anche i lavori per la realizzazione della nuova multisala a Campiglione. Un 2009 che per Fermo ha segnato anche un importante incremento delle presenze turistiche e la conferma del successo di eventi come Tipicità e la stagione estiva degli appuntamenti, tra mercatini e spettacoli.


Molto è stato fatto anche per lo sport. Nuove strutture come la tribuna della pista di atletica, l’avvio dei lavori per l’ampliamento della palestra di Via Leti, il nuovo campo da bocce a Capodarco, il progetto per uno spazio polivalente a Campiglione e la nuova copertura con sintetico del campo da calcio di Capodarco. Per non parlare dei grandi appuntamenti come gli internazionali di scacchi, la notte dello sport, i prossimi mondiali di motocross ed i tanti convegni in materia. C’è poi l’investimento nelle scuole, in primis la nuova materna di San Giuliano ed il Polo dell’Infanzia di San Tommaso. A questi interventi si aggiunge la messa in sicurezza degli edifici di competenza comunale, la nuova mensa della Leonardo Da Vinci, l’orientamento e l’imminente apertura della casa dello studente a Palazzo Strabone per l’ulteriore sviluppo della realtà universitaria. A riguardo è prevista a metà dicembre la firma della convenzione con l’Ersu e a febbraio ci sarà l’apertura della mensa. A contribuire all’investimento sulle nostre risorse umane sarà anche il polo logistico Nero Giardini per il quale è stata rilasciata la concessione edilizia in zona Girola. Da non sottovalutare anche la collaborazione con le parrocchie per esaltare il ruolo educativo degli oratori come punto di riferimento per le famiglie.


Amministrazione che ha costruito rapporti anche per l’uso di impianti sportivi e polivalenti: Campiglione, Marina Palmense, Sant’Antonio (Firmum Village), San Tommaso, San Marco alle Paludi ed il ricreatorio San Carlo. Il 2009 è stato anche l’anno che ha segnato importanti rivoluzioni per la viabilità cittadina. La variante del Ferro rappresenta un punto di svolta per l’accesso dall’entroterra alla città di Fermo capoluogo di provincia. A questo si aggiunge il ponte sul fiume Tenna che collega Lido Tre Archi a Porto Sant’Elpidio. A questi due grandi interventi si aggiungono tanti altri cantieri che hanno migliorato la sicurezza di automobilisti e pedoni: da Via Salvemini in zona Molini, alla riasfaltatura di Viale Trento ed i nuovi marciapiedi realizzati ed in fase di realizzazione nei vari quartieri della città. Il lavoro continua con il progetto per rifare l’asfaltatura e i tappetini stradali in Via Leti, Zona Tirassegno e il tratto a sud di Viale Trento verso Santa Petronilla. Ricordiamo anche che la stessa rotatoria di Campiglione fu opera dell’Amministrazione Di Ruscio che forzò il gruppo Gabrielli a farsi carico dell’opera in cambio dell’autorizzazione per il centro commerciale Il Girasole.


In fase avanzata anche le procedure per l’avvio dei lavori per i nuovi parcheggi di Via Beni nei pressi della caserma dei Carabinieri, a servizio dell’ospedale Murri. Un settore, quello dei lavori pubblici, che dimostra tutta la sua dinamicità: il recupero di Piazza Verdi è solo uno dei tasselli del programma della Giunta Di Ruscio per il rilancio dei quartieri e della vita sociale all’interno di essi. Nell’elenco dei progetti, molti dei quali nei prossimi giorni verranno presentati al pubblico, c’è la nuova passeggiata di Via Veneto, la riqualificazione dell’area consorzio agrario, il progetto di recupero del Fonte Vecchia e delle Cisterne Romane e i lavori già avviati per il restauro della chiesa di San Filippo Neri.


Un anno che ha segnato anche l’importante acquisto dal Demanio dell’area Ex Tiro a Segno, altra promessa mantenuta da quest’Amministrazione per il rilancio del quartiere. A livello di servizi sociali poi, non è mancata l’assistenza alle famiglie ed ai soggetti più deboli con progetti del calibro del Servizio Sollievo, l’intercultura per l’integrazione degli immigrati e gli aiuti finanziari per gli anziani, i libri di testo e le spese scolastiche. Fermo che si è distinta anche nei rapporti internazionali: il gemellaggio con Ansbach, i rapporti istituiti con la Norvegia (isole Lofoten), la Francia (Blois), la visita del membro del congresso degli Stati Uniti Gregory Meecks e quella degli ambasciatori di Romania, Moldavia, e Corea. Sono da respingere al mittente tutte le polemiche strumentali su una presunta inattività della vita amministrativa della città, ma ancora una volta sono i fatti concreti a darci ragione.


In merito alle dichiarazioni del consigliere Sandro Vallasciani in materia di bilancio si precisa quanto segue. Le spese di carattere legale di cui parla il capogruppo del Pd sono state maturate dalla precedente amministrazione di centro sinistra. L’Amministrazione attuale sta pagando dei debiti la cui responsabilità è da attribuire alla stessa opposizione, che tanto critica e punta il dito. L’elenco dei debiti lasciati dal centro sinistra ed ai quali stiamo cercando di porre rimedio è lungo. Per citarne solo alcuni: Area Simonelli 756 mila Euro, Catalino 144 mila 308 Euro, Steat 253 mila Euro. In merito alla spesa corrente che, sempre secondo Vallasciani, sarebbe aumentata ad oltre un milione di euro. E’ doveroso chiarire la totale inattendibilità di questo dato. I numeri reali sono ben diversi.


A netto dei trasferimenti statali la spesa nell’assestato è aumentata di 370 mila Euro, ben poca cosa rispetto ad un bilancio complessivo di 36 milioni di Euro. Si tratta dell’1 per cento.


da Saturnino Di Ruscio
sindaco di Fermo




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-12-2009 alle 16:07 sul giornale del 03 dicembre 2009 - 1055 letture

In questo articolo si parla di politica, saturnino di ruscio, sindaco di fermo





logoEV
logoEV