Assestamento di bilancio: tutto nel rispetto del patto di stabilità

bilancio 3' di lettura 26/11/2009 - L’Assessore al Bilancio Elvazio Capriotti interviene sull\'assestamento di bilancio.


La scadenza del 30 novembre come termine ultimo per l’assestamento di bilancio rappresenta un appuntamento obbligatorio. Si tratta dell’ultimo momento di verifica imposto dalla legge. Dal suo risultato si ricava un primo andamento dell’Amministrazione comunale nel 2009. Dall’esame è emerso che le difficoltà della crisi internazionale hanno avuto ripercussioni anche sul nostro bilancio.


La voce che ne ha maggiormente risentito è stata quella dell’addizionale Irpef che viene pagata da lavoratori dipendenti, autonomi, imprese individuali e soci delle società di persone. E’ stata registrata una flessione quantificata in 300 mila Euro, già tolte dalla voce delle entrate comunali e in via prudenziale di altri 400 mila Euro accantonati in attesa di riscontro definitivo. Una difficoltà non indifferente da dover affrontare. Per un totale di 700 mila Euro. Ostacolo che quest’Amministrazione è riuscita lo stesso a superare grazie ad un intervento di economia fatto sulla gestione di bilancio. Due i punti che l’Amministrazione ha saputo sfruttare a suo vantaggio. Una riduzione dei costi sul personale e soprattutto il calo delle rate dei mutui. Tutto questo ci ha permesso di portare avanti un discorso di attività nei vari settori amministrativi senza effettuare alcun taglio. Sono stati sfruttati anche maggiori trasferimenti dallo Stato per finanziare le richieste dei settori strategici.


Il dato fondamentale è che non sono diminuiti i servizi alla città. L’elenco di traguardi raggiunti nel 2009 è lungo: la variante del Ferro, il ponte sul Tenna, l’acquisto dal Demanio dell’area ex Tiro a Segno, interventi su strade, l’avvio del progetto di risalita dell’Astoria e del Conservatorio, Piazza Verdi, i box di Marina Palmense, la messa in sicurezza delle scuole, la tribuna della pista d’atletica, l’ampliamento della palestra di via Leti, il teatrino di Capodarco. C’è poi il settore cultura e istruzione con il sostegno concreto e costante all’Università e la realizzazione della nuova casa dello studente per non parlare del successo della stagione teatrale lirica e di prosa. A tutto questo si aggiungono gli interventi del settore servizi sociali, con contributi a sostegno delle famiglie con disabili, minori in centri d’infanzia, contributo agli affitti, alle rette degli anziani in casa di riposo, assegno per il libri di testo, rimborso spese scolastiche, per le bollette dell’Enel, agevolazioni sui trasporti con scuolabus e tanto altro ancora. Il tutto nel pieno rispetto del patto di stabilità. Di fronte a questi dati sono i fatti a dimostrare che l’attività dell’Amministrazione è quanto mai viva.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2009 alle 20:26 sul giornale del 27 novembre 2009 - 1180 letture

In questo articolo si parla di politica, bilancio, fermo, Comune di Fermo





logoEV
logoEV