Porto S. Elpdio: assegno di cura per anziani non autosufficienti

2' di lettura 17/11/2009 - L\'ambito Territoriale Sociale XX, di cui fanno parte i Comuni di Porto Sant’Elpidio, Sant’Elpidio a Mare e Monte Urano, rende noto che è possibile presentare domanda di accesso all\'assegno di cura per anziani non autosufficienti (Delibera di Giunta Regionale n. 985 del 15 giugno 2009).

Sono destinatari dell’assegno di cura le persone anziane non autosufficienti che, nel territorio dei Comuni dell’Ambito permangono nel proprio contesto di vita e di relazioni attraverso interventi di supporto assistenziale gestiti direttamente dalle loro famiglie o con l’aiuto di assistenti familiari private in possesso di regolare contratto di lavoro.

La persona anziana assistita deve:
aver compiuto i 65 anni di età alla data di scadenza dell’avviso pubblico,
b) essere dichiarata non autosufficiente con certificazione di invalidità pari al 100% e usufruire di indennità di accompagnamento (anche in corso di riconoscimento purché sia fatta entro i due mesi precedenti la scadenza del presente bando);
c) essere residente, nei termini di legge, in uno dei Comuni dell’ATS XX (Porto Sant’Elpidio, Sant’Elpidio a Mare e Monte Urano), ed usufruire di una adeguata assistenza presso il proprio domicilio o presso altro domicilio privato.

Per accedere all’assegno di cura, pari ad € 200,00 mensili, è necessario presentare una certificazione ISEE, riferita al periodo di imposta 2008, con un valore massimo di:
a) € 11.000,00 in caso di anziano non autosufficiente residente da solo.
b) € 25.000,00 in caso di anziano non autosufficiente facente parte di un nucleo familiare pluricomposto.

Possono presentare domanda:
l’anziano stesso, quando sia in grado di determinare e gestire le decisioni che riguardano la propria assistenza e la propria vita;
b) i familiari, entro il 4° grado, che accolgono l’anziano nel proprio nucleo;
c) il soggetto incaricato alla tutela dell’anziano in caso di incapacità temporanea o permanente (tutore, curatore, amministratore di sostegno o figlio non convivente che, di fatto, si occupa della tutela della persona anziana).
d) possono altresì presentare domanda anche le persone che hanno in corso di valutazione la domanda per il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento, purché definita (con esito positivo) entro i termini di predisposizione della graduatoria.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2009 alle 17:24 sul giornale del 18 novembre 2009 - 1176 letture

In questo articolo si parla di attualità, Sant\'Elpidio a Mare, Comune di Sant\'Elpidio a Mare





logoEV
logoEV