Porto S. Elpidio: torna il premio Volponi

3' di lettura 13/11/2009 - Torna il Premio Letterario Nazionale “Paolo Volponi”, istituito nel 2004 in occasione del decennale della morte dello scrittore urbinate Paolo Volponi, una delle voci più importanti della letteratura italiana del Novecento.

Per l’occasione Porto Sant’Elpidio, domenica 15 novembre, alle ore 17,30, a Villa Baruchello, ospiterà Umberto Ambrosoli, figlio dell’avvocato Giorgio Ambrosoli per cinque anni commissario liquidatore della Banca Privata di Michele Sindona, ucciso a Milano da un killer la notte tra l’11 e il 12 luglio 1979. L’iniziativa intitolata “Figli e padri . storie di impegno civile” sarà l’occasione per presentare l’ultimo libro di Umberto Ambrosoli intitolato “Qualunque cosa succeda. Storia di un uomo libero” che ripropone una vicenda di straordinario impegno civile, ancora attualissima.


A raccontarla, a trent’anni di distanza, è appunto il figlio Umberto sulla base di ricordi personali, familiari, di amici e collaboratori e attraverso le agende del padre, le carte processuali e alcuni filmati dell’archivio RAI. Sullo sfondo, la storia d’Italia in quel drammatico periodo. Nel corso dell’incontro, Sandra Amurri, giornalista de “Il fatto quotidiano”, intervisterà Umberto Abrosoli autore del libro: un racconto puntuale di straordinaria intensità della storia di suo padre “un eroe borghese” ricostruito per i suoi figli. Ne emerge il ritratto di un paese che non sa proteggere chi, come Giorgio Ambrosoli aveva messo la propria professionalità e la propria vita a disposizione dello stato seguendo quegli ideali di coerenza, di libertà, e responsabilità, ancora oggi , purtroppo, temi centrali della società.


“Mio padre – afferma Umberto Ambrosoli - si è formato per essere un cittadino che rispetta le regole. E’ chiaro che ad un certo punto della vicenda è stato travolto da responsabilità che andavano molto oltre il suo essere avvocato ma, lui , non ha fatto altro che rimanere ciò che era. Siamo abituati ad un immagine di eroismo fatta di persone che gridano, che compiono cose mirabolanti. Mio padre, invece, è la dimostrazione che anche nella tranquillità della vita borghese si può essere chiamati ad essere eroi. Purtroppo, la legalità, intesa come rispetto delle regole, non è un valore condiviso in maniera diffusa intorno alle persone che coprono incarichi di responsabilità e che vi imprimono i propri valori. Così si crea il vuoto, non l’esempio”. “E’ con onore e con forte emozione – dice Sandra Amurri - che presenterò il libro di Umberto Ambrosoli, che ho conosciuto, poco più che ragazzo, alla prima del film di Michele Placido tratto dal libro di Corrado Staiano “Un eroe borghese” e di cui mi sforzo di condividere quel patrimonio di valori insostituibili ereditati da suo padre. Un uomo che al di là di ogni appartenenza politica è ancora qui a ricordarci che il senso dello stato, che passa attraverso il sentirsi parte di “qualunque cosa succeda” , è il solo modo possibile per essere e per dirsi cittadini. Un uomo che ha pagato per essersi opposto a quel groviglio di poteri economici, finanziari, politici e massonici che dettano “legge” ancora oggi”.


“Sul filo conduttore della legalità – hanno dichiarato il Sindaco Mario Andrenacci e l’Assessore alla Cultura Annalinda Pasquali - la città di Porto Sant’Elpidio torna ad essere nuovamente protagonista con un altro appuntamento di caratura nazionale, legato, appunto, alla giustizia e all’impegno civile. Dopo il successo delle precedenti iniziative come “L’eredità di Falcone e Borsellino”, la presentazione del libro di Nando Dalla Chiesa, che con Ambrosoli condivide l’assassinio di un padre, e quella del libro “Gomorra”di Roberto Saviano al Teatro delle Api, ospitiamo un altro illustre personaggio come Umberto Ambrosoli per parlare ancora una volta di diritto e di legalità. Su questi temi Porto Sant’Elpidio sembra avere un tessuto particolarmente ricettivo, anche grazie all’opera di sensibilizzazione che, negli anni, l’Amministrazione Comunale ha portato avanti”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-11-2009 alle 17:55 sul giornale del 14 novembre 2009 - 1320 letture

In questo articolo si parla di attualità, porto sant\'elpidio, Comune di Porto Sant\'Elpidio





logoEV
logoEV