Sant\'Elpidio: Io ho visto Bauci, personale di Ilaria Sciadi Adel

fotografia 1' di lettura 16/10/2009 - Vedere oltre, vedere “dietro” come insegna il fotografo e regista Robert Frank e il non-luogo di Marc Augè. Sono questi i riferimenti emozionali di Ilaria Sciadi Adel nella sua ricerca fotografica che l\'ha fatta approdare alla sua personale intitolata “Io ho visto Bauci”.

Curata dal fotografo e art director Paolo Monina e patrocinata dal Comune di Sant\'Elpidio a Mare la mostra inaugura sabato 17 ottobre alle 17.30 e proseguirà sino al 24 ottobre.

Perchè Bauci? Perchè “...chi va a Bauci non riesce a vederla ed è arrivato...” come scrive Italo Calvino ne Le Città Invisibili. Così Ilaria Sciadi Adel ha iniziato ad entrare dentro la città e a guardare come attraverso una radiografia ciò che la circondava, accorgendosi di mondi altri, differenti, eppure possibili.


All\'inaugurazione interverranno la ricercatrice presso l\'Università degli studi di Macerata, Chiara Francesconi, Paolo Monina, curatore della mostra e fotografo e Sebastiano Porcu, professore ordinario di Sociologia presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell\'Università di Macerata.

Nel corso della serata saranno letti dei brani scelti appunto dall\'opera “Le città invisibili” di Italo Calvino, accompagnati, in una sorta di racconto di parole e musica, del Duo Pianistico Fiorani-Malvestiti.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-10-2009 alle 19:48 sul giornale del 17 ottobre 2009 - 1449 letture

In questo articolo si parla di attualità, fotografia, in3 comunicazione, Sant\'Elpidio a Mare, personale fotografica