Truffano l\'UE, denunciati marito e moglie

guardia di finanza 2' di lettura 13/10/2009 - Ricevevano finanziamente per la costruzone di stalle ma in realtà avevano un agriturismo. Una coppia del fermano, titolari di due imprese agricole, è stata denunciata dalla Guardia di Finanza. Sequestrati beni per un valore di duecentocinquanta mila euro.

Protagonisti della vicenda A.R. e M.J.A. di, 43 e 38 anni. I due, marito e moglie, attraverso fondi dell\'Unione Europea, un contributivo di 350.000 euro di cui 250.000 euro in anticipo, dovevano realizzare una serie di fienili e di capannoni per la cura degli animali. Strutture particolari dedite al ricovero del bestiame con annesse strade poderali. Dopo una attenta verifica fiscale ed un sopralluogo, le Fiamme Gialle hanno trovato ben altra struttura.

Al posto delle stalle infatti i due avevano fatto costruire un bell\'agriturismo, con tanto di pavimenti in cotto, sanitari di marca e una scala interna di legno massello. Senza dimenticare i quadri in tema appesi sulle pareti. Insomma una casa coi fiocchi ma irregolare. Grazie alle attività di verifica avviate, la Guardia di Finanza ha inoltre costatato la falsità della documentazione attraverso cui i due coniugi avevano ottenuto i contributi comunitari. Un\'indagine che ha portato a galla anche tutti gli illeciti connessi, come l\'emissione di fatture per operazioni inesistenti, per un importo complessivo di oltre un milione di euro.

Per i due coniugi è scattata la segnalazione agli Uffici della Procura della Repubblica di Fermo e dell’Agenzia delle Entrate, mentre da un punto di vista penale i due sono stati deferiti a piede libero per \"Truffa aggravata\" e \"Falsità materiale commessa dal privato\". Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Fermo ha inoltre emesso il decreto di sequestro preventivo dei terreni e degli immobili atto al recupero dell\'importo dei contributi percepiti illecitamente.





Questo è un articolo pubblicato il 13-10-2009 alle 11:12 sul giornale del 14 ottobre 2009 - 1057 letture

In questo articolo si parla di cronaca, cultura, riccardo silvi, fermo, guardia di finanza, unione europea