Moresco: non arrivavano le bollette, ma le \'minacce\' di distacco sì ...

bollette 1' di lettura 15/09/2009 - Per circa 5-6 mesi una decina di cittadini di Moresco non ha ricevuto le bollette per il pagamento delle utenze domestiche. Dopo l\'arrivo, però, delle ingiunzioni di distacco da parte dei gestori dei servizi, i malcapitati hanno deciso di vederci chiaro e hanno chiesto spiegazioni al sindaco e all\'Ufficio Recapiti delle Poste di Fermo.

Venerdì scorso, 11 settembre 2009, l\'incontro in Municipio, convocato da Amato Mercuri, con la responsabile regionale delle Poste e quella che si occupa dell\'ufficio di Fermo.

Un colloquio cordiale e all\'insegna della disponibilità, che ha permesso di risolvere il disguido: infatti, essendo la postina titolare in maternità (una cittadina di Moresco), sembra che i due postini supplenti, per mancanza d\'esperienza sul posto, abbiano fatto un po\' di confusione. A questo, si aggiunga anche la numerazione civica del borgo valdasino non proprio perfetta e il quadro è così completato.

Sembra, tuttavia, che l\'attuale postina supplente si sia impegnata a svolgere con scrupolosità il proprio lavoro e l\'Amministrazione Comunale a rimettere mano a numerazione e toponomastica.

Con il Censimento del 2011, infatti, il sindaco Mercuri avrebbe in mente un\'opera innovativa: la numerazione delle abitazioni a seconda, letteralmente, del metro di strada su cui si trovano, sempre mantendendo i pari a destra e i dispari a sinistra. Una soluzione già attiva a Cesena.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-09-2009 alle 17:55 sul giornale del 15 settembre 2009 - 1084 letture

In questo articolo si parla di politica, poste, bollette, moresco, Unione Comuni Valdaso





logoEV
logoEV