Pulizia del fiume Ete, il Comune precisa

comune di fermo 3' di lettura 10/07/2009 - In merito all’articolo di stampa apparso sulla cronaca locale nel quale un residente denuncia il mancato intervento sul fiume Ete, si intende precisare quanto segue.

Il Comune di Fermo, da diversi anni, sollecita la Provincia di Ascoli Piceno ad adempiere ai propri compiti istituzionali eseguendo la pulizia dell’alveo del torrente Ete Vivo. Con la nota, prot. n. 9680 del 17/03/2009, veniva chiesta: la manutenzione dell’alveo dell’Ete ed in particolare nei pressi del ponte (zona Ete Caldarette), la pulizia dell’alveo nella zona sottostante l’impianto di Monterosato fino al ponte a valle per Monterubbiano nonché la collaborazione per posizionare una “passerella” carrabile per permettere l’accesso all’impianto di Monterosato, facendo presente che la strada privata esistente è praticamente inagibile per gran parte dell’anno a causa delle continue esondazioni del rio Ete in quel tratto.


Con l’ultima comunicazione poi,( prot. 22697 del 22/06/2009), la Provincia e la Regione sono state diffidate ad eseguire quanto prima ogni intervento necessario a ripristinare il regolare deflusso delle acque ed a salvaguardare la pubblica e privata incolumità; con la suddetta nota è stato, altresì, richiesto il risarcimento della spesa da sostenere per la pulizia della spiaggia dai rifiuti trasportati dai corsi d’acqua (Ete e Tenna) in occasione di precipitazioni consistenti.


Si ricorda che questo Comune, nell’anno 2002, fece ricorso al TAR contro la Regione Marche in quanto un finanziamento, richiesto per evitare il rischio esondazione del torrente Ete, venne destinato ad altro corso d’acqua. La Regione accolse quanto richiesto con il ricorso e trasferì il finanziamento alla Provincia di Ascoli Piceno, in quanto organo competente ad intervenire, tuttavia, ad oggi, tali risorse non sono state ancora utilizzate. Per quanto riguarda l’esondazione che si è verificata il giorno 2 giugno u.s., si precisa che la Protezione Civile del Comune di Fermo e il servizio di reperibilità del Settore Lavori Pubblici, allertati per le cattive condizioni metereologiche in atto, sono intervenuti prontamente, fin dalle ore 23,30 del giorno precedente ed hanno operato ininterrottamente per tutta la notte fino alle prime ore del mattino seguente, monitorando le aree interessate dall’esondazione lungo l’alveo del fiume Ete, site sul territorio del Comune e provvedendo mediante l’installazione di segnalazioni e sbarramenti ad interdire il transito lungo le strade comunali del versante nord e sud, confluenti lungo la Val D’Ete, al fine di evitare e prevenire pericoli per l’incolumità pubblica.


Si è proceduto altresì alla costituzione dell’Unità di Crisi, presieduta dai tecnici specializzati della Regione Marche e della Provincia di Ascoli Piceno, nonché del Settore LL. PP. del Comune per coordinare tutti gli interventi ritenuti opportuni per fronteggiare l’emergenza in corso. Sono intervenuti prontamente i Vigili del Fuoco, la Protezione Civile Regionale, Provinciale ed i Gruppi Comunali di Protezione Civile di numerosi Comuni che hanno provveduto ad eseguire opere di protezione degli argini del fiume e dei fossi affluenti, nonché a prosciugare con idrovore i locali a piano terra delle abitazioni allagate; la situazione di pericolo è stata costantemente tenuta sotto controllo. Dal 2002 ad oggi sono immense le segnalazioni fatte dal Comune di Fermo alla Provincia di Ascoli Piceno, tutte però rimaste perlopiù inascoltate.


Abbiamo proposto anche interventi per eliminare il rischio esondazione attraverso vasche di laminazione piene, ecc., ma non c’è stata alcuna risposta. Abbiamo speso risorse comunali per il ricorso al Tar fatto nel 2002 contro la Regione Marche, come già specificato, al fine di intervenire per la protezione delle abitazioni dei residenti, risorse che, si torna a ripetere, sono state assegnate alla Provincia di Ascoli Piceno ma non sono state ancora spese né utilizzate.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-07-2009 alle 13:08 sul giornale del 10 luglio 2009 - 1409 letture

In questo articolo si parla di attualità, fiume, fermo, ascoli piceno, Comune di Fermo





logoEV
logoEV