Petrini: \'Ulteriori 30 milioni sul PSR. Ecco come li spenderemo\'

Paolo Petrini 2' di lettura 02/07/2009 - Scelti a Fermo gli obiettivi di indirizzo per riallocare i fondi

Si è svolto a Fermo a Palazzo Romani Adami, la riunione del Comitato di Sorveglianza del programma di Sviluppo rurale della Regione Marche. La principale questione oggetto dell’incontro, al quale hanno partecipato oltre che l’assessore Paolo Petrini e i partner della Regione anche il ministero dell’Agricoltura e i rappresentanti della Commissione europea, era scegliere gli obiettivi su cui indirizzare i nuovi fondi che proprio con il PSR (Piano di Sviluppo Rurale) la Regione potrà mettere a disposizione. La scelta dovrà orientarsi su alcuni temi che la Comunità Europea specificatamente indica.


Dalla tutela della biodiversità alle energie rinnovabili, dalla miglior gestione delle risorse idriche fino ai cambiamenti climatici e il rispetto del Protocollo di Kyoto. Per questo la Regione Marche dovrà, attraverso l’indicazione del Consiglio regionale e un negoziato successivo con la Commissione europea, allocare circa 30 milioni di euro.


Nella discussione, durante il Comitato di Sorveglianza, si è anche espressa l’esigenza da parte dell’Assessorato di concentrare una parte importante dei fondi alla migliore gestione delle risorse idriche, sia permettendo agli agricoltori di modernizzare i loro impianti di irrigazione o realizzare nuove infrastrutture di accumulo dell’acqua, sia trasformando nelle zone irrigue tutti gli impianti a scorrimento in impianti a pressione.


In particolare quest’ultimo intervento permetterà di abbattere il prezzo dell’acqua eliminando gli alti costi di manutenzione attuali. Più attenzione verrà certamente riservata alla biodiversità attraverso un ulteriore potenziamento delle misure agroambientali. Parte di queste risorse poi verranno utilizzate per le energie rinnovabili, in particolare impianti a biogas.


Ulteriori 4 milioni sono stati poi messi a disposizione dalla CE per completare definitivamente in tutte le aree rurali il progetto banda larga. Rammarico è stato espresso dall’assessore riguardo all’atteggiamento del Governo che ridurrà in maniera drastica la percentuale di cofinanziamento che aveva sempre garantito a tali interventi.


“Un atteggiamento – ha detto Petrini – che dimostra miopia relativamente al miglior utilizzo che le risorse europee possono avere in un momento drammatico come quello che stiamo vivendo, in cui tutto può essere tagliato, tranne che la spesa pubblica utile alla ripresa dell’economia”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2009 alle 14:54 sul giornale del 02 luglio 2009 - 933 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, paolo petrini





logoEV
logoEV