Frane ed allagamenti nei paesi dell’Unione Comuni Valdaso

allagamenti valdaso 3' di lettura 04/06/2009 - Frane, allagamenti e smottamenti nelle strade principali sette paesi dell’Unione Comuni Valdaso.

Sin dalla serata di lunedì la macchina della Protezione Civile dell’Unione si è messa da subito in moto al giungere delle prime segnalazioni. Quasi trenta gli interventi su tutto il territorio anche durante la notte. Alle prime avvisaglie di emergenza è stato allestito Coi centro operativo Intercomunale sotto il coordinamento del vicepresidente dell’Unione Comuni Valdaso e sindaco di Moresco Amato Mercuri. Il nubifragio durato almeno 36 ore ha iniziato a lasciare i primi segni della sua violenza a Pedaso con l’allagamento di una Villa sulla Statale che ha richiesto la prima operatività dei Volontari del Gruppo Intercomunale di protezione Civile dell’Unione Comuni Valdaso già dalle ore 20 del 1 giugno. Sul posto anche Dario Montemaggio e il Comandante della Polizia Municipale Ciarrocchi operativi per tutta la durata del nubifragio.



Per fare fronte all\'allagamento dell\'abitazione sulla Statale sono venute in aiuto al gruppo dei soccorritori anche le pompe idrovore del gruppo di Grottammare che hanno consentito di far defluire l\'acqua, quasi mezzo metro di altezza, all\'esterno dell\'abitazione. Dopo la nottata di pioggia battente sono iniziati sopralluoghi sul territorio per la valutazione delle situazioni a rischio sulle strade provinciali e comunali spesso interrotte in alcuni tratti dalla caduta di alberi di notevoli dimensioni a volte alti quanto un palazzo di due piani.



Ancora preoccupazione la situazione di Lapedona per uno smottamento in Contrada Bore dove la scarpata è scivolata addosso ad una casa schiacciando il camioncino del proprietario dell’abitazione. Le case appoggiate sopra alla collinetta hanno visto precipitare un giardino a valle. Il sindaco di Lapedona Mauro Pieroni ha già predisposto lo sgombero di alcune abitazioni di concerto con la Protezione Civile Regionale e Provinciale. Tra le situazioni più difficili affrontate immediatamente quella di Altidona in una strada \"bianca\" della Provincia nei pressi della bocciofila dove tre querce secolari in tre tratti distinti della stessa arteria isolavano alcune famiglie tanto da non consentire loro di raggiungere il paese oltre ad una mega frana alla fine della strada. Tra queste anche una situazione per cui si è richiesto un intervento immediato: una signora incinta con la sua famiglia rimasta isolata.



Due ore d’intervento molto difficile con l’impegno del vicesindaco Palmarino Ferretti e giunti sul posto hanno riportato la situazione alla normalità con la massima operatività i tanti volontari di Protezione Civile della Valdaso alle prese con motoseghe e pale oltre agli operai del Comune con una ruspa. Anche a Campofilone forti disagi e interventi altrettanto immediati da parte del sindaco Ercole D\'Ercoli. Qui la strada provinciale che dalla Valdaso sale al paese, in un tratto, mezza collina ha occupato la carreggiata anche con alcune piante di una certa consistenza e in più riprese della giornata. A Montefiore il sindaco Achille Castelli allertato all sei del mattino dalla Protezione Cicile si è messo in moto da subito con tutti i mezzi a disposizione dell\'ente e rimboccandosi le maniche è riuscito a risolvere frane e smottamenti sulle strade del territorio comunale.



Analoghi casi a Moresco, Monterubbiano (dove il vicesindaco Giuseppe Mancini si è messo a disposizione per tenere sotto controllo la situazione) e Campofilone dove i sindaci hanno con mezzi comunali e della Protezione Civile hanno affrontato l’emergenza. “Un plauso – ha sottolineato il vicepresidente dell’Unione Comuni Valdaso e sindaco di Moresco Amato Mercuri – va a tutti i volontari della protezione civile e gli operai che stanno ancora lavorando per far tornare la situazione alla normalità”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-06-2009 alle 11:11 sul giornale del 04 giugno 2009 - 832 letture

In questo articolo si parla di attualità, Unione Comuni Valdaso





logoEV
logoEV