Consiglio, il PD ascolano esce dalla maggioranza

Partito Democratico 2' di lettura 22/04/2009 - La seduta del Consiglio provinciale si è aperta con la comunicazione del Presidente Rossi della revoca delle deleghe al vicepresidente Mandozzi e sulle successive dimissioni degli assessori Maroni e Canzian. Rossi ha anche comunicato di aver nominato vicepresidente l\'assessore Nino Capriotti.


A proposito di tali eventi, il consigliere del PD Ventura ha annunciato l’uscita dalla maggioranza del gruppo ascolano del partito specificando che i provvedimenti sottoposti al vaglio del Consiglio saranno d’ora in avanti valutati caso per caso. Con l\'occasione Ventura ha auspicato che, da parte di Rossi e Mandozzi, non vi siano in campagna elettorale attacchi reciproci sull\'operato dell\'amministrazione uscente.

Rispondendo ad un\'interrogazione del consigliere Belleggia circa la situazione delle scuole provinciali, il presidente Rossi ha spiegato che delle 45 scuole del territorio ben l\'80% è a norma, il dato migliore di tutta la Regione, ed ha sottolineato che, all\'indomani delle scosse avvertite in Abruzzo, si sono svolti ripetuti sopralluoghi da parte dei tecnici della Provincia per monitorare una situazione che, com\'è noto, evolve giorno dopo giorno. Sono state individuate alcune criticità a cui, compatibilmente con il tempo e le risorse, si sta già lavorando per dare una risposta. Rossi ha anche evidenziato come, dal 2004 ad oggi, la Provincia abbia investito 33 milioni per l\'edilizia scolastica, di cui soltanto 1,8 provenienti dallo Strato, il resto con fondi derivanti da alienazioni o mutui.

Su proposta dell’assessore al bilancio Renzo Offidani, sono stati ritirati i tre punti relativi al riconoscimento dei debiti fuori bilancio: due perchè si ritiene di coprire la spesa utilizzando l\'avanzo di bilancio in corso di definizione, uno perchè è da valutare la compartecipazione al risarcimento di un altro ente. Ritirata anche la delibera relativa alla variazione di bilancio per i capitoli della cultura per vizi formali dell’atto da rettificare.

Constatata la mancanza del numero legale, la seduta si è sciolta alle 18,20. La seconda convocazione è prevista per giovedì 23 aprile alle ore 15,30.






Questo è un articolo pubblicato il 22-04-2009 alle 01:33 sul giornale del 21 aprile 2009 - 913 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno





logoEV
logoEV