Capodarco: una nuova lettura del polittico di Vittore Crivelli

fermo 2' di lettura 14/03/2009 - Se ne parlerà con lo storico dell’arte Stefano Papetti, insieme a studiosi di cultura locale, nel corso del  convegno organizzato dall’Associazione R&V Territorio.



Sarà la Chiesa Santa Maria di Capodarco ad accogliere studiosi e appassionati di storia e arte in occasione del convegno “Vittore Crivelli e il beato Angelo Clareno. L’arte incontra la storia”. L’appuntamento, organizzato dall’Associazione R&V Territorio, in collaborazione con la Parrocchia di Capodarco, è per domenica 15 marzo 2009, ore 17,30.



A guidare l’incontro lo storico dell’arte professor Stefano Papetti, che approfondirà la cifra stilistica dell’artista veneziano, autore del pentittico conservato nella suggestiva chiesa del borgo fermano e risalente alla seconda metà del ‘400. Al centro di una nuova ipotesi interpretativa uno dei Santi rappresentati nelle tavole ai lati dell’elegante Madonna in trono con Bambino, insieme alle figure di Girolamo, Giovanni Battista e Francesco. Oltre all’intervento del professor Massimo Temperini, che riconosce nella figura dipinta il Beato Angelo Clareno, un contributo per analizzare la presenza del monachesimo francescano a Capodarco verrà da Arnaldo Sancricca, che nel corso delle sue ricerche ha recuperato nella Biblioteca Vaticana due documenti pontifici, datati 1391 e 1427, in cui viene citato il convento dei Clareni di Capodarco di Fermo.



L’architetto Leandro Luciani presenterà, infine, il progetto di restauro del teatro di Capodarco, di prossima inaugurazione: “Teatro dei Clareni” è la proposta di intitolazione che sarà esposta, in occasione del convegno, dall’Associazione R&V, che proprio a Capodarco ha sede dal 2006. Sostenibilità, bioarchitettura, recupero della memoria storica: questi gli obiettivi principali cui tende l’associazione, attualmente impegnata nel portare avanti il progetto “Parco Culturale Alberelli”, un piano di riqualificazione ambientale apprezzato dall’Amministrazione comunale di Fermo, che interessa l’area compresa tra Capodarco, San Marco alle Paludi, Alberelli, San Michele e San Tommaso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-03-2009 alle 17:36 sul giornale del 14 marzo 2009 - 1576 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, Associazione R&V





logoEV
logoEV