Alla Sala dei Ritratti la presentazione del volume di Cesare Catà

locandina Catà 1' di lettura 28/02/2009 - Giovedì 5 Marzo 2009 alle ore 21.15 presso la Sala dei Ritratti di Palazzo dei Priori a Fermo sarà presentato il volume di Cesare Catà, edito in gennaio per le Edizioni Universitarie di Macerata, “La Croce e l\'Inconcepibile. Il pensiero di Nicola Cusano tra filosofia e predicazione”.

L’evento, patrocinato dall\'Assessorato alla Cultura del Comune di Fermo, vedrà l’intervento del Prof. Filippo Mignini, docente presso l’Università di Filosofia di Macerata. A coordinare la serata, che prevede la presenza del Sindaco della Città di Fermo Saturnino Di Ruscio, sarà il giornalista, Adolfo Leoni, direttore di Medi@Comunicazioni.


Il testo di Catà, benché da poco edito, ha già suscitato un vivo interesse del mondo accademico, italiano e non solo, essendo dedicato a un filosofo poco studiato, ma molto apprezzato, come Nicola Cusano. Di recente, anche lo studioso Massimo Cacciari ha manifestato apprezzamento per il volume. Nicola Cusano è un filosofo tedesco, vissuto tra il 1401 e il 1464. La sua filosofia affronta il problema di Dio in un modo originale e quasi eterodosso. Catà, nelle 475 pagine del suo saggio, ne fornisce una lettura analitica e vasta, che rappresenta anche uno scorcio fondamentale sulla cultura del Rinascimento.


Cesare Catà è dottore di Ricerca in Storia della Filosofia presso l’Università di Macerata, ed è stato visiting scholar presso l’Università di Honolulu (Hawaii, USA) e GastForscher presso il Cusanus Institut dell’Università Teologica di Trier (Germania). I suoi studi si incentrano in modo particolare sulla filosofia tra tardo Medioevo e Rinascimento. E’ anche autore di racconti fantasy, ispirati al mondo medievale, per cui ha ricevuto alcuni premi a livello nazionale.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-02-2009 alle 16:51 sul giornale del 28 febbraio 2009 - 917 letture

In questo articolo si parla di cultura, fermo, Comune di Fermo, presentazione volume, Sala dei Ritratti, Cesare Catà





logoEV