Rifondazione faccia chiarezza sulla variante per l\'ex Vallesi

fermo 2' di lettura 05/02/2009 - L\'assessore all\'urbanistica Michele Rastelli replica agli attacchi di Rifondazione Comunista sull\'area ex Vallesi.

In merito all’intervento di Rifondazione Comunista sull’ex Area Vallesi, alcune considerazioni. Sarebbe opportuno che Rifondazione Comunista (considerato che un suo consigliere comunale è anche dirigente tecnico di un Ente Pubblico), spiegasse meglio sotto quale profilo tecnico/normativo occorrerebbe fare una variante al Piano Particolareggiato in Consiglio Comunale per gli abusi (secondo loro) sino ad ora perpetrati atteso che:


1)Il riposizionamento delle paratie di contenimento lungo via, sono solamente adeguamenti strutturali per dare maggiore sicurezza e stabilità dell’intervento sotto il profilo strutturale. Tale posizionamento non è oggetto di progettazione planovolumetrica (non ricompresa cioè all’interno del Piano attuativo) ma è oggetto di autorizzazione edilizia e quindi se necessita di una variante è solo al Permesso a Costruire;


2)Per quanto attiene alla maggiore volumetria ovvero… “la trasformazione del piano interrato in piano seminterrato e quindi con un incremento volumetrico sostanziale…n.d.r”, si precisa che l’interramento del muro perimetrale su via Corsica - se è a questo che Rifondazione Comunista si riferisce -, potrà avvenire nei limiti di validità del Permesso di Costruire in quanto trattasi di opere di sistemazione esterna e non altro. L’eventuale proposta di modifica, che dovrà consentire l’accesso al retrostante rinvenimento archeologico, è frutto di una oggettiva esigenza suggerita dalla Soprintendenza che ancora non ha avuto nessun avallo da parte degli organi tecnici comunali.


Ci si limita pertanto a respingere tutte le insinuazioni, le accuse di inerzia all’assessorato e le cattive informazioni tecniche descritte, che provocano disinformazione e confusione nei cittadini che tecnici non sono; se il confronto politico fosse un po’ più sereno, varrebbe la pena illustrare ulteriori aspetti tecnici e normativi dell’intervento, ma non è questo il caso, visto il contesto in cui tale confronto s’inserisce.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-02-2009 alle 01:01 sul giornale del 05 febbraio 2009 - 759 letture

In questo articolo si parla di politica, fermo, Comune di Fermo





logoEV
logoEV