x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Sant\'Elpidio a Mare: inaugurata la nuova sede della Protezione Civile

3' di lettura
2299
da Comune di Sant\'Elpidio a Mare
www.santelpidioamare.it

protezione civiel s.elpidio a mare
E\' stata inaugurata ieri la nuova sede del Gruppo Comunale Protezione Civile di Sant\'Elpidio a Mare, sita nel ex circolo tennis di via Aldo Moro.
Nel corso della manifestazione è stato, anche, celebrato il ventennale di fondazione del Gruppo Comunale di Protezione Civile di Sant\'Elpidio a Mare, primo in Italia a costituirsi.

La cerimonia è iniziata, al Teatro \"Luigi Cicconi\", con il Saluto del Sindaco di Sant\'Elpidio a Mare Alessandro Mezzanotte cui sono seguiti gli interventi dell\'Assessore alla Protezione Civile Alessio Terrenzi, del Presidente del Consiglio Norberto Clementi, degli assessori provinciali Baiocco e Offidani, del dott. Benedetto Ricci Comandante del corpo forestale dello stato di Ascoli Piceno, Marco tomassini VicePrefetto aggiunto di Ascoli Piceo, dell\'Assessore Regionale Sandro Donati, del dott. Roberto Oreficini Rosi Dirigente Dipartimento per le Politiche Integrate di sicurezza e Protezione Civile Regione Marche e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e direttore del dipartimento Protezione Civile dott. Guido Bertolaso.


Alle ore 12,00 è seguita la benedizione della nuova sede da parte di Monsignor Vinicio Albanesi , il tradizionale taglio del nastro e la consegna delle chiavi. \"Finalmente - ha detto il sindaco nel suo intervento - il nostro gruppo comunale di Protezione Civile ha una sede nell\'ex circolo Tennis di via Aldo Moro. Una zona che fino all\'anno scorso era completamente abbandonata a se stessa e che versava in uno stato di degrado Le leggi attribuiscono oggi ai comuni precisi compiti e livelli di responsabilità, ma l\'azione dell\'Amministrazione Comunale non può limitarsi ad un livello puramente sussidiario nella speranza che altri siano pronti a dare le risposte necessarie in caso di calamità. Il Comune deve saper diventare anche il soggetto in grado di promuovere e coordinare iniziative nelle quali la collaborazione dei vari soggetti statali, regionali, provinciali (ma anche dei privati) sia ricercata, stimolata e resa idonea a dare risposte tempestive alle istanze ed alle necessità dei cittadini. E\' questa la logica con la quale operiamo, nella consapevolezza che è all\'Amministrazione Comunale che vengono chieste le prime risposte e che la stessa deve sapere dunque assumere senza reticenze un ruolo centrale\". L\'Assessore Terrenzi ha invece ricordato i numerosi interventi della Protezione civile di Sant\'Elpidio a Mare che in molte occasioni ha prestato soccorso e aiuti umanitari come ad esempio in Romania su richiesta del qui presente Dott. Roberto Oreficini Rosi che al tempo era addetto alla Protezione Civile della Prefettura di Ancona; a Sesvete in Croazia, dopo l\'alluvione di Alessandria, a Brindisi durante il primo sbarco di profughi albanesi, al camping OAX di Porto Sant\'Elpidio che ospitava 115 profughi anch\'essi albanesi, durante il terremoto di Colletorto e quello di Serravalle del Chienti e l\'alluvione di Osimo.


Per non parlare dell\'assistenza ai pellegrini prestata durante la visita alle esequie di papa Giovanni Paolo II e durante l\'insediamento di Papa Benedetto XVI. Il Discorso dell\'assessore, trascritto su un foglio, è stato \"rubato\" dal dottor Bertolaso che, colpito dalle toccanti parole, ha manifestato l\'intenzione di volerlo pubblicare sul sito nazionale dedicato alla protezione civile. Commossi GIANCARLO RENZI PRES. PROTEZIONE CIVILE S.ELPIDIO A MARE e il Prof. MAURIZIO ZINGARINI - Rappresentante Regionale volontari Protezione Civile di S.Elpidio a Mare hanno ringraziato tutti i presenti che hanno voluto condividere con loro questo importante momento.



... protezione civiel s.elpidio a mare
... protezione civiel s.elpidio a mare
... protezione civiel s.elpidio a mare
... protezione civiel s.elpidio a mare
... protezione civiel s.elpidio a mare


protezione civiel s.elpidio a mare

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 03 ottobre 2008 - 2299 letture