Vaccino Coronavirus: il Ministero della Difesa con le Forza Armate forniscono e forniranno il supporto richiesto

3' di lettura 03/12/2020 - In fase di completamento il piano di competenza della Difesa per la distribuzione dei vaccini anti Covid. Previsto l'impiego di uomini e mezzi delle Forze Armate nel concorso allo stoccaggio e vigilanza dei siti di deposito, alla somministrazione e alla distribuzione dei vaccini. Guerini: "la Difesa fornisce e fornirà tutto il supporto richiesto dalle autorità competenti"

"Per il vaccino anti Covid la Difesa fornisce e fornirà tutto il supporto richiesto dalle autorità competenti. Uno speciale gruppo di pianificazione, denominato Joint Operations Planning Group, sta finalizzando l'organizzazione del contributo della Difesa alla distribuzione dei vaccini alla popolazione italiana, sulla base delle necessità individuate dagli Enti responsabili del Piano complessivo".

Così il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, spiegando che la Difesa partecipa, fin dalla sua costituzione, al Gruppo di lavoro intersettoriale del Ministero della Salute su 'Vaccini e vaccinazioni anti Covid-19'.

"Come avvenuto fin dall'inizio della pandemia- ha aggiunto - le Forze Armate resteranno costantemente impegnate in aiuto al Sistema Sanitario Nazionale e ai cittadini".

Il Comando Operativo Interforze (COI) - in coordinamento con la Struttura governativa diretta dal Commissario straordinario delegato per l'emergenza Covid-19 Domenico Arcuri - da giorni sta pianificando un dettagliato programma che prevede l'impiego di uomini e mezzi delle Forze Armate nel concorso allo stoccaggio e vigilanza dei siti di deposito, alla somministrazione e alla distribuzione dei vaccini.

Programma che consentirà di assicurare l'integrazione nelle attività degli assetti delle Forze Armate, del Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri e dell'Ispettorato di Sanità militare.

"La Difesa è pronta ad agire a supporto del Sistema Sanitario Nazionale per le attività di somministrazione del primo vaccino, che richiederà basse temperature per non interrompere la catena del freddo, non appena disponibile", ha specificato il Ministro.

In particolare, il programma prevedere, in una prima fase, la disponibilità di un'aliquota del personale sanitario della Difesa impiegata in specifici Presidi vaccinali della Difesa (PVD) ottenuti riconvertendo, qualora necessario, anche alcuni Drive Through della Difesa.

Previsto anche il supporto di postazioni mobili, laddove sopraggiunga la necessità che i sanitari militari operino in RSA e direttamente nei domicili delle persone più in difficoltà e obbligate a casa. Sia i Presidi sia le postazioni mobili agirebbero, comunque, sempre a supporto del personale del Sistema Sanitario Nazionale.

In una seconda fase - che verrà attivata all'arrivo dei vaccini cosiddetti "cold" - il Piano messo a punto dal COI, in base alle richieste di supporto pervenute alla Difesa, prevederà non solo il proseguo delle attività di somministrazione, ma anche lo stoccaggio, la vigilanza e la distribuzione, capillarmente su tutto il territorio nazionale, attraverso lo sforzo congiunto di tutte le Forze Armate.

"Le risorse della Difesa sono a disposizione della collettività in questa sfida senza precedenti" ha concluso il Ministro, che ha ringraziato ancora una volta "tutti gli uomini e le donne delle Forze Armate, per l'enorme sacrificio che da marzo stanno portando avanti, con eccezionale senso dello Stato".

Dall'inizio della seconda ondata dello scorso 23 ottobre fino ad oggi sono stati impiegati, infatti, oltre 33.000 militari. L'Operazione Igea, lanciata poco più di un mese fa, vede distribuiti su tutto il territorio nazionale 154 Drive Through Difesa che, dal loro schieramento, hanno eseguito oltre 420.000 tamponi. Inoltre, in supporto alla popolazione, sono stati realizzati 4 Covid Hospital (a Roma, Taranto, Villafranca e Milano), 4 strutture sanitarie campali (a Perugia, Barletta, Cosenza e Aosta) e, su richiesta della Protezione Civile Nazionale, viene giornalmente fornito un fondamentale supporto in termini di personale, mezzi e strutture.

Ricevi le notizie di Vivere Italia in tempo reale via Telegram: @vivere_news






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-12-2020 alle 12:44 sul giornale del 04 dicembre 2020 - 620 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, articolo, niccolò staccioli, Vivere Roma

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bEsx





logoEV
logoEV