Fermo, Mille Miglia. Passaggio il 23 ottobre: «affacciatevi ed emozionatevi»

3' di lettura 20/10/2020 - Nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza della normativa vigente, la 38ª edizione della Mille Miglia farà tappa a Fermo. Venerdì 23 ottobre il passaggio.

«Dopo il 2016 riapriamo il salotto buono della nostra città alle auto d’epoca - esordisce il vicesindaco Mauro Torresi. Siamo lieti di ospitare la Mille Miglia nuovamente a Fermo».

Niente afflusso di pubblico stavolta. O meglio, pubblico si, ma accesso contingentato in Piazza del Popolo, che potrà ospitare 150 persone al massimo, munite di mascherina.

«Sarà una festa ugualmente - afferma Torresi, invitando i fermani ad uscire dalle loro case per assistere al passaggio delle auto d’epoca lungo le varie vie.

Uscita anticipata da scuola: primarie e scuola Infanzia Molini alle ore 11.00; medie alle ore 12.00; attività didattica sospesa invece per i ragazzi delle superiori.

Una prima luce in fondo al tunnel, un volano turistico e sportivo, così definisce la rievocazione il neo presidente dell’Automobile Club Ascoli Piceno-Fermo, avv. Alessandro Bargoni. «In Italia, dopo la Formula 1, è la manifestazione più amata. Molti personaggi da ogni parte del mondo, compresa la moglie del pilota Toto Wolff, sono rimasti impressionati, la volta scorsa, dal percorso, dalla discesa di corso Cavour» ricorda l’avvocato. Al fianco di Bargoni, Carlo Iommi della storica Scuderia Firmum. Felice di dare il proprio contributo anche la Manovella del Fermano, che con una ventina di volontari si occuperà della parte pratica.

Niente Mercedes in questa edizione. Prima toccherà alle Ferrari, poi alle vetture storiche. Il transito è atteso per le ore 13 circa, fino alle 15. Fermo è inserita nella seconda delle quattro tappe, che partirà da Cesenatico, poi San Marino, Urbino, Fabriano, Macerata, Fermo; e ancora, Ascoli Piceno, Amatrice. Per finire, Roma.

«Un orgoglio per una città che l’amore per i motori lo ha nel suo dna - afferma l’assessore allo sport. Saranno circa 17.6 i km, dalla Mezzina a Monterubbiano c’è spazio per tutti per affacciarsi e scendere in strada ad ammirare la corso più bella e antica in assoluto».

Appassionata di moto e motori, anche per l’assessore al turismo Annalisa Cerretani, la Mille Miglia rappresenta un orgoglio per la città. «Da cittadina l’ha seguita nel 2016. Nonostante il Covid, con le dovute cautele: “the show must go on”- dice» invitando anche lei i suoi concittadini ad uscire di casa per vivere l’emozione del passaggio delle auto d’epoca.

Percorso: incrocio Mezzina (Campiglione), rotonda nei pressi dello scatolificio Valtenna, rotonda S.P. Girola, via Salvemini, rotonda S. S. 210 – S.P. Girola, rotonda variante del Ferro, rotonda supermercato, rotonda Tirassegno, incrocio via Nievo – via Foscolo, incrocio Casa Marchetti, rotonda San Francesco, Piazza Dante, Piazza Ostilio Ricci, Largo Calzecchi, Piazza del Popolo, Torre Matteucci, Largo Rivolta, Largo Fogliani, via XX Giugno – corso Marconi, Rotonda San Giuliano, rotonda via Diaz, via Diaz-via Appennini.


di Benedetta Luciani
redazione@viverefermo.it





Questo è un articolo pubblicato il 20-10-2020 alle 14:28 sul giornale del 21 ottobre 2020 - 1503 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, Benedetta Luciani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/by0h





logoEV
logoEV