Fermo: lavoratori e lavoratrici in agitazione per un rinnovo del contratto atteso da 7 anni

1' di lettura 20/10/2020 - Sono oltre 600 mila i lavoratori in Italia ad attendere questo rinnovo, che riguarda gli addetti alle imprese di pulizie, servizi integrati multiservizi; il 21 ottobre scenderanno in piazza per una manifestazione unitaria Filcams Cgil, Fisascat Cils e Uil Trasporti.

Lavoratrici e lavoratori meritevoli di rispetto, visto che anche loro dall’inizio della pandemia sono stati in prima linea per garantire la pulizia e sanificazione degli ambienti ospedalieri, scolastici, uffici postali, fabbriche, mezzi di trasporto, banche ecc… anche loro sono angeli, eroi ma nell’anonimato e con retribuzioni mediamente di € 7,15 lorde l’ora.

Incomprensibile l’atteggiamento delle associazioni di categoria Anip Confindustria, Confcooperative Lavoro e Servizi, Legacoop Produzione e Servizi, Agci Servizi e Unionservizi Confapi, che solo a parole sembrano disponibili a sbloccare l’annosa vertenza ma di fatto non si siedono al tavolo delle trattative.

Vista la gravità della situazione, la mobilitazione, che nelle Marche si svolgerà il 21 ottobre dalle ore 14 in piazza del Plebiscito, si è resa necessaria e andrà avanti fino a quando non si riattiverà il tavolo di confronto per chiudere in tempi brevi il rinnovo del contratto nazionale, con aumenti contrattuali adeguati e con la riconferma della tutela piena dei diritti della lavoratrici e dei lavoratori.


da CGIL Fermo
Camera del Lavoro Territoriale





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-10-2020 alle 11:57 sul giornale del 21 ottobre 2020 - 648 letture

In questo articolo si parla di lavoro, cgil, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/by9a





logoEV
logoEV