Italia Viva Fermo: ecco perchè il centrosinistra ha perso le regionali

3' di lettura 25/09/2020 - "La nostra lista ha avuto la % più alta a livello regionale, ma è stata penalizzata dalla legge elettorale ed abbiamo perso il seggio".

Anche i coordinatori di Italia Viva della provincia di Fermo, Sara Franca e Paolo Praolini, fanno i conti con il risultato elettorale e commentano l’esito del voto regionale del centro sinistra battuto.

“ Il voto parla chiaro- sostengono- il centro destra ha vinto e il centro sinistra ha perso e non ci resta che augurare buon lavoro al nuovo Presidente Acquaroli”.

Loro 2, però, la motivazione della sconfitta del centrosinistra ce l’hanno chiara : “è da ricondurre alla gestione sbagliata del terremoto, della sanità che ha mostrato tutte le sue carenze durante l’emergenza covid, e al fatto che molti territori sono stati lasciati indietro rispetto ad altri per quello che riguarda infrastrutture e viabilità- sostengono- Tutto questo ha portato ad un giudizio negativo delle persone nei confronti dell’operato del governo regionale, percepito come distante dai bisogni reali dei cittadini. La sconfitta era preannunciata da tempo, i sondaggi non hanno mai dato in vantaggio Mangialardi su Acquaroli e questo era visibile anche durante i numerosi appuntamenti che in questo periodo abbiamo svolto sul territorio, in cui abbiamo potuto constatare la grossa frattura che si è creata in questi anni tra governo e territorio. Queste sono le ragioni per le quali abbiamo perso la sfida e non ci sono altre scuse da cercare”.

I 2 coordinatori entrano poi nel merito del proprio risultato di lista nella provincia di Fermo, sottolineando come il loro 4.62%, sia stato “il risultato migliore a livello regionale. “ Un risultato affatto scontato -continuano- soprattutto per una forza politica nuova come la nostra che si è trovata in pochi mesi a costruire una proposta riformista ed innovativa per il territorio fermano, un territorio complesso e molto diffidente nei confronti di tutto quello che viene identificato come partito. Nonostante il risultato ottenuto nella provincia di Fermo e a livello regionale come seconda forza di coalizione, la nostra lista è stata però penalizzata dalla legge elettorale e ha perso il seggio in consiglio regionale in favore di Maurizio Mangialardi”.

“Ma il nostro percorso non finisce di certo qui- concludono Franca e Praolini - questa è stata solo la prima tappa di un percorso che inizia oggi. Si è creato un gruppo nuovo nella provincia di Fermo, fatta di persone che hanno voglia di cambiare e di non rassegnarsi a questa sconfitta, che si rialzerà per dare alternative. Questi anni fuori dal consiglio serviranno per strutturarci meglio lavorando come minoranza e preparandoci per le prossime sfide. Intanto vogliamo ringraziare tutti i coordinatori e l’ottimo lavoro fatto dai candidati Fabio D’Erasmo, Milena Sebastiani, Alessio Terrenzi e Emanuela Lanfranchi, infaticabili e sempre disponibili , corretti e presenti costantemente sul territorio, che sono riusciti a trasmetterci entusiasmo, dimostrando competenza ciascuno con le proprie esperienze lavorative e amministrative”






Questo è un articolo pubblicato il 25-09-2020 alle 09:33 sul giornale del 26 settembre 2020 - 554 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, marina vita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bwW6





logoEV
logoEV