Amandola: finisce un’epoca. Dopo 60 anni niente calcio. Anche la CPP ha detto “stop”.

2' di lettura 24/09/2020 - Dopo la mancata partecipazione alla Pima Categoria da parte della Asd Amandola, arriva il dietrofront anche della CPP, che avrebbe dovuto disputare il Campionato di Terza. “La Città, per la prima volta dopo 60 anni, resterà senza calcio”.

Niente più cori, bandiere amaranto, striscioni e gradinate piene. Niente più match del sabato pomeriggio o allenamenti infrasettimanali. Niente più divise amaranto pronte a popolare il rettangolo verde dello Stadio Comunale. Per la prima volta dopo 60 anni, Amandola resterà senza calcio. Nessuna delle due squadre della Città prenderà parte ai rispettivi campionati, che a breve inizieranno.

L’Asd Amandola ci aveva già comunicato il mancato accordo societario e quindi la non iscrizione al campionato di 1° Categoria, stavolta è toccato alla CPP, compagine che avrebbe dovuto affrontare la 3°. La notizia era nell’aria da diverse settimane ed è stata confermata quest’oggi. Niente calcio quindi per la Città dei Sibillini e per i suoi cittadini e tifosi che, per la prima volta dopo 60 anni, non avranno colori da difendere e squadre da tifare.

Le motivazioni sono molteplici, la maggior parte legate a questi ultimi mesi davvero difficili ed al covid che ha reso tutto più complicato. I Dirigenti della CPP, dopo una prima iscrizione al Campionato di terza, hanno preferito non proseguire il cammino, non c’è l’intenzione di disputare il torneo, perché si ritiene di non poter far fronte alle necessità legate alle nuove norme covid-19.

Questa emergenza sanitaria ha causato molte problematiche, che di conseguenza si accentuano ulteriormente nelle categorie minori ed in realtà come questa. Alla base non ci sono problemi economici, ma per entrambe le società è mancata quella scintilla fondamentale per andare avanti ancora una volta ed il covid ha finito per spegnere quell’ultima speranza.

Fatto sta che Amandola rimarrà senza calcio dopo 60 anni. Una Città da sempre votata allo sport ed in particolare al calcio e a tutti quei valori primari, che ne fanno la disciplina più seguita al mondo. Generazioni di amandolesi si sono affrontati sul rettangolo verde, padri hanno scambiato la casacca con figli e nipoti, tutti uniti dai colori amaranto. Sono passati anni di vittorie, traguardi e successi raggiunti, ma ora tutto è in stallo.

L’augurio è che, dalla prossima stagione, si possa tornare a popolare lo stadio e vedere di nuovo una Città intera unita nel tifo.






Questo è un articolo pubblicato il 24-09-2020 alle 21:05 sul giornale del 26 settembre 2020 - 398 letture

In questo articolo si parla di stadio, sport, calcio, tifo, tifosi, Comune di Amandola, terza categoria, stop, articolo, promozione calcio, amaranto, campionato di 1° categoria, alto fermano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bwWG





logoEV
logoEV