Montegiorgio: E' morto Nazario Sauro Ramadori, grande interprete della scena politica marchigiana

3' di lettura 22/09/2020 - Consigliere comunale , 3 volte Sindaco, Presidente della Provincia di Ascoli Piceno, Presidente della Camera di Commercio, Ramadori è stato un grande protagonista della nostra storia

Mentre l’attenzione generale è tutta concentrata sul risultato politico delle elezioni regionali e comunali in corso, se n’è andato in silenzio proprio la notte scorsa un uomo che della scena politica locale e marchigiana è stato un esponente storico e di rilievo. E’ morto l’ingegnere Nazario Sauro Ramadori, uno tra i più grandi interpreti del nostro territorio che con il suo lungo peregrinare in tanti comparti della vita pubblica ha contribuito alla crescita della Provincia e della Regione Marche che non possono non annoverarlo tra i suoi cittadini migliori.

Ramadori , nato a Montegiorgio nel 1926, si era Laureato in ingegneria civile all’università di Pisa. L’insegnamento e la libera professione non l’avevano mai distolto dal quello che sentiva come il dovere di partecipare alle vicende amministrative del suo paese. Ultratrententennale la sua presenza in consiglio comunale a Montegiorgio, , anche come Sindaco per 3 mandati: dal 1960 al 1961, dal 1962 al 1964, dal 1980 al 1983.
Tra gli anni 1960/70 era stato chiamato a ricoprire il ruolo prima di assessore e poi di Presidente della provincia. Membro della direzione provinciale del PSI ( partito socialista italiano) in cui ha sempre militato sposandone i valori fondanti, fu poi chiamato nel ruolo di Presidente della Camera di Commercio ( 1985-2000), dove partecipò, tra l’altro, alla realizzazione di un “ Euro Sportello”, valido servizio informativo per gli operatori economici di tutta Europa. Nel 2000 il Presidente della Repubblica gli aveva anche assegnato l’onoreficenza di Grande Ufficiale al merito della repubblica.

Per i montegiorgesi sono Indimenticabili le sue arringhe in consiglio comunale verso il suo avversario della DC nonché allora Sindaco Avvocato Orlando Bellabarba , del quale prese poi il posto . In quelle pubbliche assise, allora molto partecipate dalla cittadinanza, l’ Ingegner Ramadori e più tardi anche il giovane esordiente Fabrizio Cesetti, tenevano banco con interventi di alto spessore.

A parte questa sua sentita presenza sulla scena politica nell’area laica progressista, Nazario Sauro in privato era un uomo capace di astrarsi psicologicamente da tutte le pressioni di un’epoca marcata da un arrivismo fine a sé stesso.
Amava arricchirsi culturalmente, leggere buoni libri di storia e scrutare con il suo telescopio i fenomeni dell’universo. Ma proprio a lui che aveva girato il mondo , anche in virtù del suo incarico come Presidente della Camera di Commercio, erano sopraggiunti problemi di deambulazione. Assistito in casa dalla moglie purtroppo scomparsa da circa un anno e mezzo e dal figlio Marco, negli ultimi mesi era dovuto ricorrere all’assistenza continua di una casa di ricovero e cura.
La sua mente è stata però lucida fino alla fine e con il figlio intratteneva lunghe conversazioni quotidiane. Fino a ieri. Poi stanotte, all’improvviso e anche un po’ a sorpresa si è spento. Con lui se ne va un altro tassello importante della comunità montegiorgese che lui ha contribuito ad improntare, che lo ha vissuto e rispettato come uomo prima che come politico. I funerali si terranno domani pomeriggio alle ore 17 nella Chiesa di San Giovanni a Montegiorgio. Condoglianze alla famiglia.






Questo è un articolo pubblicato il 22-09-2020 alle 15:38 sul giornale del 23 settembre 2020 - 2999 letture

In questo articolo si parla di cronaca, nazario sauro ramadori, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bwKe





logoEV
logoEV