Ceriscioli cittadino onorario di Amandola. Marinangeli: “Un Presidente sempre presente e che ha creduto fortemente nelle zone montane”.

3' di lettura 15/09/2020 - “Un omaggio al grande uomo e al prezioso amico. L’Amministrazione ha deciso di ringraziarlo così”. Ceriscioli: “Rimarrò sempre legato ad Amandola. Abbiamo scommesso molto sulle aree interne, puntando al rilancio e alla crescita e questo omaggio è un grande traguardo che significa molto”.

Una Città che ha affrontato il dramma del sisma e che ha superato tutto grazie soprattutto alla vicinanza della Regione Marche. Per questo il Sindaco Marinangeli e l’Amministrazione Comunale, questa mattina, hanno deciso di rendere omaggio al Presidente Luca Ceriscioli con la cittadinanza onoraria.

“Oggi è una giornata particolare, non nascondo l’emozione. Amandola ha voluto donare al Presidente Ceriscioli uno spazio importante all’interno della Città per come ha operato e per tutto quello che ha fatto. Ti meriti questa cittadinanza Luca e Amandola te ne rende riconoscenza - esordisce il Sindaco Marinangeli – Si è creato un rapporto profondo di stima e collaborazione, possiamo dire di aver trovato un vero amico ed un grande uomo”.

Il Sindaco ripercorre gli ultimi anni e le difficoltà superate: “Ricordo ancora quell’episodio per me fondamentale. Erano i primi di Ottobre, appena dopo il sisma e la situazione era davvero complicata, per l’Ospedale non c’era speranza, ma Luca mi rassicurò dimostrandomi tutto il suo sostegno “Non ti preoccupare per l’Ospedale, lo rifaremo nuovo”. Devo essere sincero, in quel momento non ho creduto molto a quelle parole, perché vedevo tutto come un’impresa impossibile, invece poi ho compreso la lungimiranza e l’efficienza della Regione ed i risultati di oggi ne sono la conferma”.

L’Ospedale dei Sibillini, il traguardo più grande dell’intera Regione: “Il Presidente e tutti i collaboratori ci sono stati vicini fin da subito, sostenendo Amandola nelle varie tappe post sisma e per me è un onore aver lavorato insieme a Luca all’opera pubblica più grande delle 4 Regioni del Centro Italia dopo il terremoto – sottolinea Marinangeli – il suo appoggio non è mancato nemmeno difronte alla nostra volontà di riportare medicina ad Amandola presso la struttura provvisoria. In 4 anni abbiamo riportato tutti i servizi sanitari che erano presenti nella Città, migliorandoli e redendoli più efficienti. Grazie al Presidente e alla Regione, Amandola rappresenta il punto di riferimento della sanità montana”.

Felice ed emozionato Ceriscioli: “Ringrazio il Sindaco e l’Amministrazione per questo dono inaspettato. È vero sono molto legato a queste zone al di là del ruolo che svolgo, amo visitarle ed ammirarle. Il nostro obbiettivo era porre l’attenzione sulle aree interne e subito dopo il sisma, abbiamo intensificato i contatti con questi territori. Non serviva solo ricostruire, ma incrementare e migliorare tutti quei servizi che permettono ai cittadini di continuare a vivere qui, ovvero la Sanità e la Scuola”.

Turismo, infrastrutture, salute e scuola: “Ci siamo mossi su più fronti in questi anni e gli ultimi risultati sono la riprova del buon lavoro svolto. È ovvio, abbiamo concentrato gli sforzi su quei servizi fondamentali, ovvero la sanità, la scuola e le infrastrutture e la crescita di Amandola conferma gli obbiettivi raggiunti dalla Regione – osserva Ceriscioli - Un buon Comune ed un’Amministrazione efficiente si vedono nella lungimiranza e nella reattività di cogliere le opportunità che la Regione mette a disposizione e Amandola ha dimostrato proprio questo”.

Uno sprint finale fatto di grandi idee e progetti: “Nonostante il nostro percorso si sta avviando alla conclusione, in questo ultimo periodo abbiamo raggiunto importanti risultati, basti guardare alla ben avviata costruzione dell’Ospedale dei Sibillini, al plesso Ospedaliero di Campiglione, al successo dell’iniziativa Marche Outdoor o alle nuove figure degli Infermieri di comunità attivate ad Arquata – conclude il Presidente – ci siamo sempre impegnati al massimo, superando difficoltà mai affrontate prima e diventando un esempio a livello nazionale, la gestione dell’emergenza covid ne è un perfetto esempio”.

La Cittadinanza Onoraria è stata approvata dalla giunta, ora manca solo il “si” formale del consiglio comunale.








Questo è un articolo pubblicato il 15-09-2020 alle 14:55 sul giornale del 16 settembre 2020 - 498 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, ospedale, Comune di Amandola, cittadinanza onoraria, adolfo marinangeli, articolo, aree interne, Luca Cerisicoli, sisma 2016, zone montane, alto fermano, covid 19, ripartenza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bv6i





logoEV
logoEV