Assocommercianti: Programmazione e più progettualità e non "sagrette in piazza"

2' di lettura 15/09/2020 - Dall'ultima riunione del direttivo dell'Associazione Commercianti i consigli ai futuri amministratori e qualche frecciatina per l' Amministrazione uscente per quanto non è stato fatto per il comparto di riferimento.

L’Associazione Commercianti di Fermo e Circondario - si legge nel comunicato stampa - forte delle sue idee per il sostegno di un settore vessato da troppo tempo, ridotto ai minimi termini dalla pandemia, con molte attività che rischiano la chiusura, aveva pensato di non intervenire direttamente nella campagna elettorale in atto, in vista delle prossime elezioni amministrative di domenica e lunedì prossini.
Nel corso dell’ultimo direttivo, però, dopo aver mantenuto l’idea di non chiedere incontri con i candidati sindaco in virtù del fatto che oramai appare del tutto evidente a tutti il comportamento, e soprattutto i danni fatti in questi anni al riguardo del settore commercio e turismo dall’amministrazione uscente.
Dopo aver letto sui giornali le dichiarazioni dell’assessore Torresi, attraverso le quali esprimeva rammarico per non essere riuscito a ridare vita al mercato settimanale, il direttivo ha deciso di stilare la presente nota per ricordare sia all’assessore, che a tutta l’amministrazione uscente, e ai futuri amministratori che Fermo non ha bisogno delle “sagrette” in piazza ma di una progettazione che sia indirizzata al ripopolamento commerciale del centro storico, oltre a una maggiore attenzione delle periferie dove il Commercio risente degli stessi problemi del cuore della città.
La nostra Associazione è disponibile a una fattiva e continua collaborazione con le attività produttive per elaborare progetti comuni, ed auspica che la prossima amministrazione inserisca o nel bilancio comunale un capitolo di spesa specifico per aiutare il settore commercio e turismo, per investire sull’arredo urbano e per ultimo, ma non meno importante, ridare al all’antichissimo mercato settimanale lo smalto che merita, visto che è stato ridotto a poca cosa con molte responsabile dell’assessore uscente che in questi anni, anche tra l’assoluta contrarietà di tutte le associazioni, ha ritenuto più importante organizzare sagre e mercatini di dubbio gusto nel centro storico a danno sia dei cittadini residenti sia degli operatori commerciali non rilasciando autorizzazioni.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-09-2020 alle 09:15 sul giornale del 16 settembre 2020 - 291 letture

In questo articolo si parla di lavoro, fermo, commercianti, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bv1l





logoEV
logoEV