Passione, dedizione ed amore per gli alunni. Va in pensione la Maestra Brunella Farina.

5' di lettura 27/06/2020 - Oltre 50 anni di servizio. Ha insegnato ad intere generazioni. “Mi sembra solo ieri di aver iniziato. Custodirò nel cuore ogni momento di questo meraviglioso viaggio”.

Quando amore e passione per il proprio lavoro si mescolano, quando le attenzioni di una madre e i consigli di una maestra vanno di pari passo. Tutto questo e molto altro rappresenta Brunella Farina, storica maestra dei Comuni dell’Alto Fermano e punto di riferimento fondamentale per la Scuola dell’infanzia di Montefalcone Appennino prima e di Smerillo poi. Dopo oltre 50 anni di servizio, va in pensione e l’intero territorio montano la ringrazia per gli infiniti insegnamenti che ha fornito ad intere generazioni.

«Se torno indietro, mi sembra solo ieri di aver iniziato il mio viaggio nel fantastico mondo della Scuola – ci racconta Brunella – in realtà è passato molto tempo, anzi è volato. Devo essere sincera, se ci fosse stata anche solo una piccola possibilità, avrei continuato per altri anni. L’amore per il mio lavoro e per gli alunni va oltre ogni cosa».

Il diploma nel 1972, i primi passi negli Istituti privati e subito dopo l’ingresso nel pubblico, fino a questo ultimo anno. La lettera dalla Presidenza che segna la fine di un ciclo: «Quando è arrivata la comunicazione della Preside, che mi informava della fine del mio servizio, ho pianto per tre giorni – racconta commossa la maestra Brunella – e ancora oggi mi scende una lacrima se ripenso a tutto quello che è stato e che ora non sarà più. Sono sincera, non ho realizzato che tutto questo finirà. Quando per oltre 50 anni, sai che il tuo ruolo è quello e giorno dopo giorno ti impegni per svolgerlo al meglio, non è facile uscire da quella parte. La professione della maestra mi resterà sempre dentro, non mi abbandonerà mai. Sono diventata e resterò per sempre una maestra».

Ricordi indelebili: «Non saprei preferire un ricordo rispetto ad un altro. Tutte le esperienze che ho vissuto in questi anni sono indimenticabili. Porterò sempre con me ogni sguardo e ogni nome di tutti i bambini a cui ho insegnato».

Generazioni intere di alunni, padri e figli si sono alternati tra i suoi banchi: «Una delle cose più belle della mia carriera è stata insegnare prima ai padri e poi ai loro figli. È meraviglioso aver visto nei figli, lo stesso sguardo dei padri e delle madri. Porterò sempre con me questa immagine. Se mi hanno scelto come maestra per i loro figli, è sintomo che ho lasciato un buon ricordo».

Un punto di riferimento per l’intero Istituto dei Sibillini, una figura storica dalla quale prendere esempio. Negi anni ’90 l’approdo a Montefalcone Appennino e poi nei primi anni 2000 la creazione della Scuola dell’Infanzia di Smerillo, situata nella frazione di San Martino al Faggio. Una perla per l’intera zona montana: «Gli anni trascorsi tra Montefalcone e Smerillo, probabilmente i più belli. Ho potuto lavorare in un ambiente armonioso, dove al primo posto c’era sempre la crescita e la formazione degli alunni – spiega Brunella – una delle mie più grandi soddisfazioni è stata la creazione della Scuola dell’Infanzia di San Martino al faggio. Dopo la chiusura dell’Asilo di Montefalcone, grazie al prezioso sostegno delle Amministrazioni, abbiamo dato vita a questa nuova realtà».

Cresciuta molto nel corso degli anni, oggi rappresenta un’eccellenza per la formazione scolastica della zona montana e non solo: «Abbiamo puntato molto sulla Scuola dell’Infanzia di San Martino al Faggio, raggiungendo grandi risultati. Vedere genitori, provenienti da molti Comuni della Provincia di fermo, iscrivere i propri figli qui dà grande soddisfazione».

Un ultimo anno totalmente diverso da come se lo aspettava: «Devo essere sincera, pensavo di chiudere in modo diverso, ma questa emergenza ha mescolato le carte in tavola. Pensavo di salutare i miei bambini come sempre, ma non ce n’è stata la possibilità – racconta la maestra Brunella – tuttavia non mi sono bloccata, mi sono reinventata. In questi ultimi mesi di servizio, ho anche imparato ad utilizzare la didattica a distanza per continuare ad essere vicina agli alunni e ringrazio molto i genitori per la collaborazione. Diciamo, che è stato bello insegnare anche in questo modo».

Grande disponibilità e collaborazione tra Amministrazioni Comunali, colleghe e genitori: «Fare la maestra non è facile, serve un impegno giornaliero affinchè l’alunno raggiunga importanti risultati. In questo, nei miei anni di servizio, sono state fondamentali le colleghe che mi hanno affiancato, aiutandomi e consigliandomi in ogni momento. Un grande grazie va anche alle Amministrazioni Comunali che si sono succedute e che mi hanno sostenuto. Sono state sempre disponili nel soddisfare le mie richieste per poter insegnare al meglio e mi hanno accompagnato, aiutando anche a migliorare il mio lavoro – conclude la Maestra Brunella – Un ringraziamento speciale va, poi, a tutti i genitori che ho incontrato nel corso degli anni e a quelli che ho conosciuto nell’ultimo periodo. Senza l’apporto e la loro collaborazione, il lavoro di una maestra riesce solo a metà. Il confronto tra loro e noi insegnanti è fondamentale per la crescita dei bambini».

Domenica alle 18.00, presso il circolo di San Martino al Faggio, il saluto della Maestra Brunella ai suoi alunni, con la consegna dei diplomi per chi a Settembre inizierà la Scuola elementare. L’incontro è stato organizzato dai genitori, nel totale rispetto delle attuali norme: «Volevamo ringraziare la Maestra Brunella per il grande lavoro svolto in questi anni – spiegano i genitori – siamo certi di esprimere l’opinione di tutti, quando diciamo di essere stati molto fortunati ad aver avuto lei come maestra per i nostri figli. Un grande esempio di amore per il proprio lavoro, che ogni alunno porterà sempre con sè. Sentiremo tutti la sua mancanza».








Questo è un articolo pubblicato il 27-06-2020 alle 10:27 sul giornale del 29 giugno 2020 - 1526 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, lavoro, pensione, genitori, insegnante, asilo, alunni, maestra, Montefalcone Appennino, scuola dell'infanzia, passione, articolo, comune di Smerillo, alto fermano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bpeS





logoEV