Concerti in live streaming: Diego Mercuri si esibirà a Falerone il 7 giugno

4' di lettura 03/06/2020 - Se è corretto dire che Diego Mercuri & The Wrecking Band suoneranno senza pubblico, è falso pensare che i loro svariati fan non saranno pronti, tablet acceso e connessi sui social per assistere alla diretta come fossero fisicamente lì.

Hai già fatto una diretta a Smerillo e sembra essere andata alla grande. Com'è suonare senza un pubblico di fronte per uno abituato al palcoscenico? "Sì è andata bene, ho avuto 4000 condivisioni tra tutta Italia e anche da fuori". Diego confessa il suo amore per il palco e la folla, ma sa che al momento non è possibile avere un pubblico fisico. Nelle dirette facebook ha trovato il suo modo per continuare a suonare, che è la cosa che più ama."Non è un concerto, niente sostituisce la musica dal vivo – ammette - ma è un modo per tenersi compagnia e passare un'ora piacevole".

La prossima diretta si terrà al Teatro Romano di Falerone, Diego sarà alla chitarra, voce e armonica, suo fratello Alfredo al piano, Giulietta Natalucci alla voce e David Stern alla chitarra. L'assessore Taino non è sicuro che si potranno svolgere eventi in tutta l'estate, per cui Diego e la sua band saliranno sul palco girati di spalle con le tribune vuote. Il messaggio è che la musica, nonostante il periodo di vuoto, c'è sempre. "Quando le cose vanno bene – dice Diego - tutti vanno ai concerti ma non dovremmo dimenticarci della musica anche quando non ci sembra fondamentale".

Molto legato al suo territorio di nascita, si può dire che in un certo senso Diego faccia promozione delle terre marchigiane. "Vado spesso in montagna a rilassarmi, passeggiare e gioire delle magnificenze della natura", dice. La sua passione per i monti sibillini è fortemente condivisa anche dal suo pubblico, che spesso è stato attratto dalla bellezza delle foto paesaggistiche da lui condivise sui social, al punto di scegliere le Marche come meta di vacanze. "Durante i miei concerti nelle piazze dei sibillini ho trovato tra il pubblico gente di Imola e della Puglia. Per la serata al Teatro Comunale di Porto San Giorgio molti miei fan si sono fermati nelle strutture turistiche locali anche per vedere il territorio dove vivo".

Si può dire che in pochi anni Diego Mercuri & The Wrecking Band abbiano avuto un esponenziale successo di pubblico. Un trionfo inaspettato per un ragazzo introverso e timido come Diego, che dice di sé essere un carattere molto chiuso. Non sembrerebbe, visto che sul palco può suonare per ore ed ore coinvolgendo un pubblico eterogeneo per età e gusto.

"All'inizio giravo tre o quattro locali e facevo pochissime date all'anno. Non avevo un seguito ma ho iniziato a conquistare il mio piccolo pubblico che attraverso il passaparola, quindi chiamando i propri amici, è cresciuto piano piano. È questa la migliore pubblicità e la più grande soddisfazione".

Vive con la sua fidanzata a Lido Tre Archi (Giulia, cantante nella band) e sono stati messi entrambi a dura prova dalla quarantena; le loro famiglie sono state devastate dal covid, per cui, oltre allo strazio emotivo, hanno vissuto una quarantena forzata da positivi. "La prima settimana ci siamo rinchiusi volontariamente, poi siamo stati obbligati a rimanere per due mesi esatti in casa, è stata dura".

Diego, tuttavia, non si tira indietro di fronte alle difficoltà e trova sempre una strada per superarle. La Strada verso casa è il titolo del suo primo libro, scritto interamente durante il periodo di quarantena, "è stato il mio sfogo, ho scritto un libro e ventuno canzoni". Si tratta di un racconto di sensazioni rispetto alla sua paura più grande: il tempo che scorre. "Mi tormenta il tempo che scorre inesorabile, e la quarantena ha accentuato questo timore con la sua immobilità. La strada è un tema a me caro, amo guidare, amo girare l'Italia, viaggiare è lo spunto per fare una riflessione".

Il 7 giugno, dalle 18,30 direttamente dal profilo pubblico di Diego Mercuri, sarà possibile partecipare alla diretta di un concerto che racconta una storia, una storia fatta di tenacia, perseveranza, passione per la musica e tanta voglia di affrontare qualsiasi situazione, anche la più avversa.


di Marina Mannucci
redazione@viverefermo.it





Questo è un articolo pubblicato il 03-06-2020 alle 19:31 sul giornale del 05 giugno 2020 - 323 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo, marina mannucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bm6t





logoEV
logoEV