Porto Sant'Elpidio: Stanziate più risorse per le famiglie indigenti

3' di lettura 03/06/2020 - La Giunta Comunale attende solo il parere dei Revisori dei Conti per approvare la proposta di delibera volta a rimpinguare il capitolo dei servizi sociali per i contributi ai nuclei familiari indigenti; nel capitolo di spesa ulteriori 10.000 euro

I fondi di quel capitolo, dove solitamente venivano gestite le situazioni di povertà, erano stati usati per finanziare gli utenti che nel primo bando “Buoni Spesa” erano rimasti senza aiuto e senza sostegno.

Questo provvedimento, volto ad incrementare il suddetto capitolo, servirà anche a gestire quelle situazioni che non sono state coperte nel secondo avviso pubblico relativo ai “Buoni Spesa”. Gli effettivi casi di utenti in stato di necessità non verranno gestiti con un nuovo bando bensì a sportello come ordinariamente avviene con i servizi sociali. L’utente, che dovrà dimostrare il suo stato di bisogno, potrà mettersi in contatto con i servizi sociali, che previo colloquio e compilazione di apposita domanda provvederanno a raccogliere le richieste di contributo che verranno valutate dalla commissione del tavolo delle povertà.

“Come sindaco - spiega il Primo Cittadino Nazareno Franchellucci - ho indiscrezioni del fatto che è probabile che il Governo possa dare ulteriori aiuti alle persone in gravi situazioni economiche mediante reddito di emergenza o distribuzione di buoni alimentari . Nel caso ciò avvenisse, la priorità verrà data alle persone che, in questo secondo bando,non hanno ottenuto il contributo. A tal proposito mi preme sottolineare che stiamo ricontattando le persone che in questo secondo bando “Buoni Spesa” sono rimaste escluse e che hanno contattato i servizi sociali per dichiarare il loro effettivo stato di necessità. Queste persone si stanno ricontattando per fare una analisi precisa ed approfondita della situazione, sarà nostra premura garantire la vicinanza dell’Amministrazione Comunale e garantire comunque un fattivo aiuto .”

L’Assessore Luca Piermartiri ha concluso: "Parallelamente agli aiuti garantiti con i buoni spesa, ci siamo fin da subito organizzati, insieme alle associazioni di volontariato per un coordinamento finalizzato a dare ulteriori risposte di sostegno. Per le persone oggetto di segnalazioni o di cui conosciamo la situazione stiamo garantendo la consegna della spesa a casa. Il lavoro si svolge quotidianamente e mi sto preoccupando di gestire un elenco di nomi (nuclei familiari) che magari necessitano di una mano. In molti aspettano la cassa integrazione e non hanno particolari esigenze al di là della spesa. Una richiesta di sostegno che possiamo coprire, già molto è stato fatto. Porto S. Elpidio ha una bellissima rete di volontariato e quindi un ringraziamento speciale va a tutti coloro che stanno collaborando. Grazie al Samaritano, grazie all'associazione Vicino a te che si occupano della preparazione dei pacchi alimentari e della consegna a casa. Con loro ci sentiamo spessissimo! Un grazie anche ai parroci della città e all’Associazione Vincenziane per la loro collaborazione e supporto; alla protezione civile che, proprio all'inizio della quarantena, ha avviato insieme ai servizi sociali la consegna a domicilio di beni di prima necessità per persone sole. Infine un ringraziamento ai Supermarmercati che hanno deciso di stipulare la convenzione con il comune per il progetto “Buoni Spesa” applicando anche ulteriori sconti sui prodotti e donando anche generi alimentari di prima necessità. Nessuno viene lasciato solo e la nostra disponibilità e vicinanza ci saranno sempre".








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-06-2020 alle 17:29 sul giornale del 04 giugno 2020 - 497 letture

In questo articolo si parla di attualità, Comune di Porto Sant'Elpidio, buoni spesa, famiglie indigenti, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bm5V





logoEV
logoEV