Per la ripartenza, agriturismi e agroalimentare sperano con la riapertura delle frontiere regionali e nazionali

1' di lettura 03/06/2020 - L’impatto economico, stima la Coldiretti a livello nazionale, è di quasi 20 miliardi di euro per l’alloggio, la ristorazione, il trasporto e lo shopping.

Oltre 2,4 milioni di turisti e più di 10 milioni di presenze. Numeri dell’Osservatorio regionale del turismo che dipingono le Marche dello scorso anno e sui quali pesa la situazione sanitaria internazionale nonostante la riapertura delle frontiere nazionali senza bisogno di quarantena ai cittadini europei a partire dal 3 giugno mentre occorrerà attendere il 15 giugno per quelli che giungono da fuori dei confini comunitari. Lombarde tra gli italiani e tedesche tra gli stranieri, le provenienze più consistenti del dato regionale e anche per questo si spera in questa nuova fase dopo l’azzeramento dei flussi di viaggiatori da marzo a maggio con la perdita di importanti occasioni di vacanza tra le festività di Pasqua, Festa della Liberazione e Primo Maggio. Momenti ideali per la rete degli agriturismi marchigiani composta da un migliaio di attività di ristorazione e accoglienza annesse alle imprese agricole con con 12mila posti letto e 500 piazzole di sosta per camperisti. L’impatto economico, stima la Coldiretti a livello nazionale, è di quasi 20 miliardi di euro per l’alloggio, la ristorazione, il trasporto e lo shopping. Una ripartenza, dunque, importante per tutto il sistema produttivo agricolo fatto di Made in Italy di altissima qualità che, nelle Marche, vale 120 milioni l’anno grazie al lavoro dei 968 operatori delle 37 denominazioni di origine regionali suddivise tra food e wine.






Questo è un articolo pubblicato il 03-06-2020 alle 16:05 sul giornale del 04 giugno 2020 - 229 letture

In questo articolo si parla di attualità, coldiretti, agriturismo colle regnano, coldiretti marche, frontiere, articolo, ripartenza, covid

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bm5a





logoEV