Falerone: in assenza delle colonie quest'anno si pensa al centro estivo per ragazzi, con sostegno finanziario del Comune per le famiglie

2' di lettura 28/05/2020 - Abbiamo a cuore l’attuale situazione delle famiglie di Falerone- dice il Sindaco Armando Altini- e intendiamo intervenire per contenere il più possibile il costo a loro carico.

Quest’anno, data la situazione collegata al Covid, le colonie estive non si faranno. Ma il Comune di Falerone vuole comunque andare incontro alle esigenze delle famiglie con minori che non sanno a chi affidare i propri figli durante l’estate. Quindi sta valutando la possibilità di organizzare un centro estivo, per bambini e ragazzi dai 3 agli 11 anni, mettendo a disposizione anche proprie risorse di bilancio per contenere il più possibile il costo a carico delle famiglie.

“ Affinchè il servizio possa essere organizzato rispettando tutte le regole disposte in materia dal Governo e Regione Marche, occorre prima conoscere il numero dei bambini interessati al fine di individuare gli spazi necessari ad assicurare il rispetto di tutte le norme sul distanziamento sociale, l’assistenza necessaria e le attività da proporre, tenuto conto dell’età dei partecipanti”- informa il Sindaco Armando Altini.

“ Il Centro estivo dovrebbe essere attivato orientativamente dalla seconda metà di giugno ai primi di agosto e, per contenere i tempi organizzativi, è stata disposta una sorta di manifestazione di interesse da parte delle famiglie del territorio comunale. Questo ci aiuterà a “prendere le misure” e individuare anche quali spazi potrebbero essere messi a disposizione- afferma il vicesindaco Pisana Liberati- Pensiamo ad esempio alle scuole, alla struttura polivalente ex Gal a Piane di Falerone o anche a spazi all’aperto. Tutto dipenderà da quanti bambini aderiranno al servizio. Per il personale di staff disponiamo di operatori del posto e anche il parroco si è reso disponibile con proprie risorse volontarie. Ma, anche per stabilire il fabbisogno di educatori, occorre prima sapere di quanti bambini si sta parlando. Quello che ci preme è far pagare il meno possibile alle famiglie, sia attraverso il nostro contributo come comune che attraverso eventuali sovvenzioni dello Stato , di cui però non si conosce ancora né l’entità né se ci saranno”.

“ Abbiamo a cuore l’attuale situazione delle famiglie di Falerone- dice il Sindaco Armando Altini- in special modo della popolazione più giovane, molto sacrificata da questo periodo di forzata restrizione emergenziale, quindi vogliamo dare un segno concreto di vicinanza e di sostegno. E intendiamo intervenire per contenere il più possibile il costo a carico delle famiglie, considerato che il costo del servizio sarà destinato ad aumentare a seguito delle disposizioni impartite da Governo e Regione”.

Qualora il numero di adesioni fosse congruo, il centro estivo diventerà realtà e l’amministrazione sta valutando anche l’opportunità di prevedere turni da mattino a sera, mensa inclusa






Questo è un articolo pubblicato il 28-05-2020 alle 16:23 sul giornale del 29 maggio 2020 - 780 letture

In questo articolo si parla di cronaca, centro estivo, articolo, marina vita, centro estivo ricreativo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bmF1





logoEV
logoEV