Civitanova: Sole che picchia e pochi affari: il mercato riprende a ritmo blando

3' di lettura 23/05/2020 - Un ritorno sonnacchioso quello del mercato del sabato, che tornava ad occupare le vie del centro in maniera (quasi) completa dopo oltre due mesi di stop causa coronavirus. C’era grande attesa e anche un po’ di timore per la possibilità che si creassero assembramenti e che i protocolli di sicurezza potessero creare eccessivi disagi.

Ma in realtà, come hanno raccontato molti ambulanti e come è saltato all’occhio di chi un giro tra le bancarelle non se l’è negato, problemi particolari non ce ne sono stati perché di gente non è che ce ne fosse poi molta. «Già una giornata così non aiuta, ma il problema è che non ci sono i soldi», è il mantra che ripetono un po’ tutti gli operatori. La crisi post-pandemia morde, di spendere e spandere non è proprio tempo e allora meglio una passeggiata in riva al mare in una mattinata che col termometro non lontano dai 30 gradi sembrava già di pieno luglio. Conseguenza di tutto questo è stato un flusso regolare ma mai davvero intenso tra le bancarelle, sia in piazza XX Settembre che nelle altre vie. Tutto liscio anche nelle zone più delicate, come il vialetto Nord, dove gli spazi ristretti hanno costretto ad un piccolo ritocco delle postazioni, e in corso Dalmazia, dove alcuni commercianti si erano lamentati per il posizionamento di alcune bancarelle.

Oltre al misto di delusione e speranza che serpeggiava tra tutti gli ambulanti, c’era anche chi un po’ di rabbia non l’ha nascosta. Nodo del contendere il divieto di vendita per le bancarelle dell’usato, che secondo alcuni non è stato davvero rispettato. «Ci sono alcuni che prendono vestiti non si sa dove, ci mettono delle etichette alla bene e meglio e aggirano così il divieto – tuona un ambulante di corso Dalmazia – ci vorrebbero più controlli, da parte specialmente della Guardia di Finanza».

Controlli che comunque si sono visti in giro sin dalle primissime luci dell’alba. L’assessore al commercio Pierpaolo Borroni era in strada addirittura alle 5 di mattino per accertarsi che tutte le operazioni, seguite dalla Polizia locale, si svolgessero per il meglio. «Con otto vigili urbani guidati dalla comandante Daniela Cammertoni abbiamo organizzato, dato direttive e messo in ordine, gran parte del mercato – ha detto Borroni – il distanziamento è stato rispettato, c’è stata una ottima collaborazione da parte degli ambulanti che si sono resi collaborativi alle norme sanitarie derivate dal Coronavirus. Un grazie anche a Confcommercio e Confesercenti per il loro contributo».

La sveglia all’alba ha fatto trovare anche una curiosa sorpresa nella fontana di piazza XX Settembre: una bicicletta in mezzo alla vasca. Nessun danno, ma la foto ha fatto il giro del web. «Una notte brava di qualche maleducato», la bolla Borroni.

Sabato prossimo si ripete, con la speranza che, passo dopo passo, si torni davvero a una normalità.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.








Questo è un articolo pubblicato il 23-05-2020 alle 14:35 sul giornale del 25 maggio 2020 - 194 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bmi0