Porto Sant'Elpidio: Guanti e mascherine merce rara ma non crescono se abbandonate per strada

1' di lettura 21/05/2020 - Seminandoli a terra non ricresceranno e Pinocchio se ne accorse suo malgrado quando provò a piantare monete.

Naturalmente - scrive legambiente - questa è solo ironia, scritta per indirizzare verso dinamiche di educazione ambientale e rispetto degli spazi comuni. Vedere in ogni parcheggio dispositivi DPI gettati a terra come frutti maturi, non sembra bello a nessuno.
Si chiede, pertanto, piccoli gesti di civiltà, utili per tutta l'umanità.
E' questa la ragione per la quale legambiente lancia l'iniziativa "Cura l'ambiente insieme alla natura".
Post e volantini in giro per la città inciteranno a comportamenti virtuosi circa lo smaltimento di guanti e mascherine. Il titolo ci è venuto in mente ricordando un pensiero che ha sorpreso tutti.
Nel periodo di quarantena per chi ha avuto la fortuna di non essere toccato dalla tragedia, si è assistito al risveglio della natura. E' sorta spontanea la riflessione: inattività dell'uomo versus attività della natura. Il messaggio di Legambiente interpreta questo pensiero, alla ricerca di una soluzione che soddisfi il bisogno di attività dell'uomo e della natura. Non gettare a terra i DPI è solo l'inizio di una serie di atteggiamenti green che possono impegnarci tutti, affinché anche in futuro possiamo godere degli spettacoli meravigliosi che solo la natura può donarci.


Da Legambiente

Circolo di Porto Sant'Elpidio





Questo è un articolo pubblicato il 21-05-2020 alle 10:10 sul giornale del 22 maggio 2020 - 341 letture

In questo articolo si parla di attualità, porto sant'Elpidio, Legambiente Porto Sant'Elpidio, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bl8g





logoEV
logoEV