Una leggera schiarita con la diminuzione dei ricoveri ma ieri è stato il giorno più nero

1' di lettura 25/03/2020 - Tanti lutti nelle Marche. Sono oltre 250 gli operatori sanitari attualmente positivi al COVID 19. Rispettiamo il loro lavoro attenendoci alle regole date

Nella giornata di ieri l’emergenza coronavirus ha toccato il numero più alto di morti proprio mentre da più parti si segnalava una leggera diminuzione dei ricoveri ospedalieri.
Tanti davvero i decessi: 36 persone malate di COVID 19 hanno perso la vita. Tutte in una fascia di età veramente ampia che va dai 37 ai 94 anni; tutte con patologie pregresse.
Con una situazione davvero al limite la provincia più colpita resta Pesaro che ha contato ben 16 morti. Un presidio ospedaliero quello del San Salvatore dove sono 36 i ricoverati in terapia intensiva su 40 posti disponibili con una situazione al limite del collasso.
Tanti sono stati i morti anche nel maceratese. Ai deceduti di ieri vanno aggiunti anche 21 decessi dei giorni precedenti nei quali è stata riscontrata la positività al covid 19 dopo la morte. Sommando tutto, le Marche contano ormai 280 morti.
Numeri importanti se a questi si aggiungo gli oltre mille ricoverati perché positivi e di questi quasi 150 in terapia intensiva.
In tutto, nella nostra regione siamo arrivati a 2736 casi con più di 5000 persone in quarantena nelle proprie abitazioni. Tra questi oltre 250 sono gli operatori sanitari.


di Lorenzo Bracalente
lorenzo.bracalente@gmail.com
 





Questa è un'intervista pubblicata il 25-03-2020 alle 10:01 sul giornale del 26 marzo 2020 - 2522 letture

In questo articolo si parla di cronaca, intervista, lorenzo bracalente

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bimX





logoEV
logoEV