SISMA 2016 e l'autocertificazione dei professionisti in attuazione dell'art. 12 bis

1' di lettura 12/02/2020 - Sarà la cabina di coordinamento di venerdì 14 febbraio a disciplinare l’attuazione dell’art. 12 bis sull’autocertificazione dei professionisti introdotto dal Decreto 123 “Sima” dello scorso ottobre

Abbiamo recepito la volontà di Governo e parlamento che hanno individuato nell’autocertificazione da parte dei professionisti un volano per accelerare la ricostruzione privata spiega il Commissario Piero Farabollini Oltre a disciplinare gli interventi anche attraverso fasce di importo, abbiamo inteso agevolare il prezioso lavoro dei professionisti della ricostruzione attraverso la predisposizione di un foglio di calcolo univoco e certificato fornito dalla struttura Commissariale che lo sta realizzando con il contributo fattivo di tutti gli attori del processo istruttorio. Sono certo che, ancora una volta, faremo tutti squadra per dare concreto supporto alla ricostruzione del Centro Italia”.
Oltre all’ordinanza sull’autocertificazione, sul tavolo anche una “omnibus” con le modifiche conseguenti alle nuove procedure e la nomina del Comitato Tecnico Scientifico.
Tra gli articoli della “omnibus” quelli che regolamentano le maggiorazioni per le murature, l’incremento del compenso per la realizzazione dei piani attuativi, l’alienazione del diritto sull’immobile, l’acquisto del terreno per le opere pubbliche ed il pagamento degli oneri di occupazione del suolo che saranno ricompresi nel contributo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-02-2020 alle 16:16 sul giornale del 13 febbraio 2020 - 1115 letture

In questo articolo si parla di cronaca, terremoto, sisma, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgc9





logoEV