Porto San Giorgio: Summit sul patrimonio arboreo, nuove piantumazioni in arrivo

2' di lettura 13/12/2019 - L’imponente patrimonio arboreo della città è al centro di un complesso intervento del Comune che coinvolge vari ambiti, uffici e professionalità

Nicola Loira, l’assessore all’Ambiente Massimo Silvestrini, i dirigenti dell’Ufficio tecnico Sauro Censi e degli Affari legali Carlo Popolizio, il geometra Giuseppe Bordoni e gli agronomi Ugo Pazzi e Mario Piersantelli si sono riuniti per affrontare i vari temi riguardanti gli interventi di manutenzione necessari in diverse parti della città per la conservazione degli arbusti.
Da un lavoro di monitoraggio e di censimento è emerso che alcuni esemplari stanno completando il loro ciclo vitale ed altri sono soggetti a fitopatologie ed attacchi di agenti esterni.
Amministratori e tecnici si sono confrontati anche sui danni che gli apparati radicali delle piante stanno arrecando al patrimonio pubblico e privato (non mancano, a tal proposito, specifiche richieste di risarcimento).
“Gli interventi in arrivo su via Petrarca e su altri tratti derivano anche dagli effetti dannosi che hanno le radici sulle strade ed i canali di scorrimento delle acque di superficie, sconvolgendo in alcuni casi le dinamiche dei deflussi”, spiega Loira.
Altro tema su cui si è discusso è quello delle prossime piantumazioni: esse andranno definite in determinati spazi rispetto agli abbattimenti che si rendono necessari nel caso di malattie e pericolosità per l’incolumità pubblica.
Prossimamente è prevista la messa a dimora di 12 essenze arboree lungo il tratto centrale di viale Cavallotti, con la contestuale rimozione di monconi. L’Amministrazione comunale chiederà anche il coinvolgimento della Svim (Società di sviluppo della Regione) all’interno del Patto dei sindaci.
Cercheremo di mettere in campo delle progettualità, anche insieme ad altri centri che hanno le nostre stesse necessità e caratteristiche, in modo da richiedere finanziamenti da destinare alle implementazioni, alle manutenzioni ed al rinnovamento del patrimonio arboreo
– aggiunge Loira - .
La Svim viene soprattutto coinvolta per l’apporto che le piante danno alla nostra qualità della vita e dell’ambiente. Durante i continui confronti con i tecnici sono ‘venuti a galla’ quegli aspetti critici sorti in occasione dello sviluppo urbano che la città ha avuto soprattutto negli anni ’60: le piantumazioni soprattutto di pini in zone fortemente urbanizzate non lasciarono terreno sufficiente all’assorbimento delle acque”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-12-2019 alle 13:45 sul giornale del 14 dicembre 2019 - 181 letture

In questo articolo si parla di politica, porto san giorgio, manutenzione, piante, Comune di Porto San Giorgio, danni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bd3e





logoEV