Dopo lirica e prosa, il sipario del Teatro dell’Aquila di Fermo apre alla stagione musicale

2' di lettura 14/11/2019 - Domenica 17 novembre si comincia alle 17 con la Form – Orchestra Filarmonica marchigiana e l’Eroica di Beethoven.

La Sinfonia n. 3 in mi bemolle magg., op. 55 di Ludwig van Beethoven è un’opera grandiosa, dal fortissimo impatto emotivo, simbolo musicale legato all’epoca napoleonica eppure di grande attualità per i contenuti etici e i valori assoluti espressi, ruotanti attorno all’idea di eroismo e libertà.
È senza dubbio la composizione, scritta a Vienna tra il 1802 e il 1804, che incarna la sostanza spirituale di quel periodo storico, fortemente influenzata dal pensiero illuminista della fine del Settecento. La terza sinfonia di Beethoven è la rappresentazione musicale del mito assoluto dell’eroe.
L’opera è preceduta, nella prima parte del concerto diretto da Alessandro Cadario, dal Concerto per oboe e orchestra in re magg. dell’ungherese Frigyes Hidas, una delle composizioni dedicate a questo strumento tra le più eseguite al giorno d’oggi. L’inteprete è d’eccezione: il montegranarese Francesco Di Rosa, primo oboe dell’Orchestra Sinfonica di Santa Cecilia, considerato da critica e pubblico come uno dei migliori oboisti nel panorama internazionale.
Biglietto ordinario: 12 euro; ridotto 5 euro, abbonati GMI 10 euro.
Prenotazione obbligatoria alla Biglietteria del Teatro dell’Aquila.
Orari Biglietteria: dal martedì al sabato ore 9.30-12.30/16.30-19.30 e dalle ore 16.00 il giorno del concerto.
Info e prenotazioni: Biglietteria del teatro tel. 0734. 284295 – biglietteriateatro@comune.fermo.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-11-2019 alle 17:35 sul giornale del 15 novembre 2019 - 576 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, fermo, Comune di Fermo, stagione musicale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcOH





logoEV
logoEV